Calalzo di Cadore (BL), 01 - 05 - 18
Questa mattina due giovani scialpinisti hanno perso la vita sull'Antelao. Stavano affrontando la parte conclusiva del Canale Oppel, quando sono scivolati entrambi, fermandosi alcune centinaia di metri sullo sbocco sottostante. A dare l'allarme, alle 8.30 circa, altri tre alpinisti che stavano risalendo il canale. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha raggiunto il luogo dell'incidente. Le salme, ricomposte e imbarellate, sono state recuperate con il verricello e trasportate fino al carro funebre, che le ha accompagnate alla cella mortuaria di Pieve di Cadore. Sul posto anche il Soccorso alpino di Pieve di Cadore.
Vi comunichiamo tutto questo con immenso dolore. Entrambi i ragazzi appartengono al Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi, Enrico Frescura, 31 anni da compiere, del Soccorso alpino di Pieve di Cadore, e Alessandro Marengon, 28 anni, del Soccorso alpino del Centro Cadore, tutti e due di Domegge di Cadore. Il Soccorso alpino e speleologico Veneto piange i suoi ragazzi e si stringe alle loro famiglie.
Pubblicato in 2018
Martedì, 29 Maggio 2018 10:42

SCIALPINISTA SI INFORTUNA SUL VENAL

Chies d'Alpago (BL), 25 - 04 - 18
Verso le 16.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del Monte Venal, a seguito della chiamata della moglie di uno scialpinista, preoccupata per il suo mancato rientro. Durante il sorvolo della zona, l'equipaggio ha individuato l'uomo, E.R., di Dolo (VE), che si era fatto male a una gamba. Recuperato con un verricello, l'infortunato è stato trasportato all'ospedale di Belluno. Pronto a intervenire il Soccorso alpino dell'Alpago.
Pubblicato in 2018
Calalzo di Cadore (BL), 23 - 04 - 18
Questa mattina verso le 11.20 il 118 è stato allertato per un incidente avvenuto sull'Antelao, dal compagno di uno scialpinista scivolato per centinaia di metri sul Canale Oppel. Lo sciatore, G.S., 33 anni, di Domegge di Cadore (BL), era nella fase di discesa, 200 metri sotro la cima del canale, quando è scivolato lungo il ripido versante, fermandosi diverse centinaia di metri più sotto. L'eliambulanza, individuato il punto in cui si trovava, ha calato tecnico di elisoccorso, medico e infermiere - che hanno subito prestato le prime cure al ragazzo - ed è volata a imbarcare l'amico fermo in quota. Una volta imbarellato, l'infortunato, con un possibile grave politrauma, è stato recuperato con un verricello, per essere trasportato all'ospedale di Treviso.
Pubblicato in 2018
Martedì, 03 Aprile 2018 10:25

SOCCORSA SCIALPINISTA IN VAL D'ARCIA

Borca di Cadore (BL), 25 - 03 - 18
Attorno a mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto in Val d'Arcia, sul Pelmo, per un infortunio. Durante la discesa con un gruppo di amici, una scialpinista di Bologna, F.N., 40 anni, era infatti caduta e si era procurata un probabile trauma alla gamba. Atterrati nelle vicinanze, tecnico di elisoccorso, medico e infermiere hanno raggiunto la donna per prestarle le prime cure. Recuperata con il verricello, la sciatrice è stata poi accompagnata all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2018
Martedì, 03 Aprile 2018 10:23

SCIALPINISTA SI INFORTUNA IN NEVEGAL

Belluno, 24 - 03 - 18
Attorno a mezzogiorno il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Belluno per uno scialpinista che si era infortunato in Nevegal. Scendendo con un amico, lo sciatore - un trentaseienne di Belluno - non distante dall'arrivo della seggiovia del Col Canil aveva messo male una gamba in un solco della neve, procurandosi un probabile trauma al ginocchio. In suo aiuto sono subito intervenuti il gestore del Rifugio La Grava e personale della Federazione sicurezza piste del Nevegal che si trovavano sul posto e lo hanno accompagnato a valle fino alla jeep dei soccorritori. Trasportato alla sua auto, lo sciatore si è allontanato coi propri mezzi.
Pubblicato in 2018
Mercoledì, 07 Marzo 2018 16:14

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 04 - 03 - 18
Poco prima di mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il percorso della Pitturine Ski Race, San Nicolò Comelico, per un atleta infortunatosi nella zona di Bivacco Piva. Lo sciatore, G.Z.G., 46 anni, di Comelico Superiore (BL), aveva sbattuto la testa cadendo. Prestategli le prime cure, l'uomo è stato recuperato con un verricello e trasportato all'ospedale di Belluno con un possibile trauma cranico. Verso le 13.30, l'eliambulanza è stata poi inviata a Forcella della Grava, Val di Zoldo, dove uno scialpinista che stava scendendo con altre persone si era procurato un probabile trauma al ginocchio, non distante dalla partenza della teleferica del Rifugio Torrani. Imbarcato, F.B., 36 anni, di Venezia, è stato accompagnato all'ospedale di Agordo. Presente sul posto personale del Soccorso alpino della Val di Zoldo.
Pubblicato in 2018
Mercoledì, 07 Marzo 2018 16:14

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 04 - 03 - 18
Poco prima di mezzogiorno l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il percorso della Pitturine Ski Race, San Nicolò Comelico, per un atleta infortunatosi nella zona di Bivacco Piva. Lo sciatore, G.Z.G., 46 anni, di Comelico Superiore (BL), aveva sbattuto la testa cadendo. Prestategli le prime cure, l'uomo è stato recuperato con un verricello e trasportato all'ospedale di Belluno con un possibile trauma cranico. Verso le 13.30, l'eliambulanza è stata poi inviata a Forcella della Grava, Val di Zoldo, dove uno scialpinista che stava scendendo con altre persone si era procurato un probabile trauma al ginocchio, non distante dalla partenza della teleferica del Rifugio Torrani. Imbarcato, F.B., 36 anni, di Venezia, è stato accompagnato all'ospedale di Agordo. Presente sul posto personale del Soccorso alpino della Val di Zoldo.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 26 Febbraio 2018 14:11

VALANGA SULLE PICCOLE DOLOMITI

Recoaro Valdagno (VI), 24 - 02 - 18
Poco prima delle 10 il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno èstato allertato per una valanga caduta nel Vajo dell'Acqua, zona La Gazza, Piccole Dolomiti, con due persone coinvolte. Due scialpinisti, che stavano scendendo con altri sette lungo il canale, erano infatti stati trascinati a valle per circa 300 metri, una donna finendo sommersa, un uomo semisepolto. I compagni sono riusciti fortunatamente a liberarli subito dalla neve. Stavano bene, solo la sciatrice aveva riportato una contusione alla mano. Il gruppo ha quindi contattato il 118 per informare che sarebbero rientrati autonomamente. Una squadra di soccorritori era comunque partita ed è andata loro incontro per verificare fosse tutto a posto e poi procedere con i rilievi stratigrafici sulla valanga.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 26 Febbraio 2018 14:09

VALANGA SULLE MARMAROLE

Auronzo di Cadore (BL), 20 - 02 - 18
Alle 11 circa il 118 è stato allertato per una valanga caduta sulle Marmarole che aveva coinvolto due persone. Salendo verso Forcella Marmarole, versante Auronzo, due scialpinisti erano infatti stati travolti da un distacco partito dal fianco. Azionando l'airbag in loro dotazione, i due uomini sono riusciti a rimanere in superficie, fermandosi poi uno totalmente al di fuori, l'altro parzialmente sepolto dalla neve. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore li ha individuati e ha sbarcato nelle vicinanze medico e tecnico di elisoccorso che hanno liberato lo sciatore, I.Z., 55 anni, di San Pietro di Cadore (BL) e gli hanno prestato le prime cure per un probabile trauma alla gamba. Imbarellato, l'infortunato è stato recuperato con un verricello di 50 metri e trasportato all'ospedale di Belluno. Il compagno è invece sceso autotomamente. 
Pubblicato in 2018
Lunedì, 26 Febbraio 2018 14:07

INFORTUNIO ALLA TRANSCAVALLO

Tambre (BL), 18 - 02 - 18
Attorno alle 10.45 sul secondo tratto della discesa della Transcavallo, dal Guslon a Pian Valeta, un atleta ha sbattuto nel suo compagno, mettendo male una gamba e procurandosi la probabile distorsione di un ginocchio. Una squadra dell'assistenza gara del Soccorso alpino è partita col toboga da 2.200 metri di quota ed è scesa fino a 1.700 metri dove si trovava l'infortunato, G.F., 46 anni, di Olmi di San Biagio di Callalta (TV), già presente un infermiere sul posto. Stabilizzato l'arto, lo sciatore è stato caricato sul toboga e trasportato a valle dai soccorritori e dai carabinieri forestali in Val de la nona (1.300 metri) e lì affidato alla motoslitta dei Vigili del fuoco, che lo hanno poi accompagnato a Pian Grant (1.200), dove è stato controllato dal medico di gara e poi consegnato all'ambulanza diretta all'ospedale di Belluno. 
Pubblicato in 2018
Pagina 1 di 2

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.