Lunedì, 14 Agosto 2017 09:29

INTERVENTI ODIERNI IN MONTAGNA

Belluno, 13 - 08 - 17
Attorno a mezzogiorno l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites è intervenuto lungo la Via del Buco sul Lagazuoi, poiché un alpinista che stava scalando con la moglie non era più in grado di proseguire nella progressione per un dolore alla spalla. Contemporaneamente l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sulla Piccola delle Tre Cime di Lavaredo. Sull'ultimo tiro di una via un rocciatore era volato infortunandosi, l'allarme lanciato da una cordata tedesca che aveva assistito all'incidente. L'uomo, E.L., 38 anni, di Lugo di Romagna (RA), è stato recuperato con un verricello di 30 metri e trasportato all'ospedale di Belluno per un possibile politrauma. Il Soccorso alpino del Centro Cadore è invece stato inviato dal 118 a Lozzo di Cadore, a Pian dei Buoi. Scendendo dalla sua baita una donna di Lozzo era scivolata procurandosi un probabile trauma alla caviglia. Raggiunta da 8 soccorritori in località Tamarì, S.D.F., 49 anni, è stata caricata in barella e portata a spalle per una cinquantina di metri fino alla strada, per poi essere accompagnata direttamente con la jeep al pronto soccorso di Pieve di Cadore. Infine, il Soccorso alpino di Cortina è stato mandato dal 118 sul Belvedere delle cascate di Fanes, per un malore. L'uomo, M.C., 64 anni, di San Gemini (TE) è stato portato fino a Pian de Loa, dove l'eliambulanza lo ha imbarcato per volare a Pieve di Cadore.
Pubblicato in 2017
Belluno, 12 - 08 - 17
Rientrando da una passeggiata al Rifugio Talamini con la moglie e altri famigliari verso Zoppè di Cadore, arrivato lungo la strada forestale all'altezza del bivio per il Rifugio Venezia, un escursionista si è improvvisamente accasciato al suolo colto da malore. Allertato il 118, sul posto è stato inviato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore. Sbarcati tecnico di elisoccorso, infermiere e medico, a lungo sono state tentate le manovre di rianimazione, ma purtroppo per l'uomo S.B., 59 anni, di Dolo (VE), non c'è stato nulla da fare. Il Soccorso alpino della Valle di Zoldo ha accompagnato sul posto il carro funebre per trasportare la salma nella cella mortuaria.
Verso le 14.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Belluno per un'emergenza in Valle del Mis a Sospirolo. Una turista olandese, Y.S., 48 anni, scivolata sul sentiero dei Cadini del Brenton, si era infatti procurata una ferita al ginocchio. Raggiunta da una squadra di 4 soccorritori compreso il medico di Stazione, alla donna sono state prestate le prime cure. In accordo con la Centrale operativa del Suem, l'infortunata è stata accompagnata direttamente al pronto soccorso di Belluno.
Pubblicato in 2017
Belluno, 12 - 08 - 17
Probabilmente ha perso l'equilibrio mentre cercava di mettersi la giacca l'escursionista fassano che ha perso la vita oggi a Livinallongo del Col di Lana. Dalle prime informazioni dei soccorritori, appena completata la Ferrata Piazzetta poco sotto la cima del Piz Boè, G.S., 58 anni, di Campitello di Fassa (TN), ha aperto lo zaino per prendere qualcosa da indossare, è scivolato ed è caduto per una decina di metri sbattendo la testa. L'allarme è stato lanciato attorno a mezzogiorno da una persona che lo ha visto e il 118 ha inviato il Pelikan di Bressanone che ha sbarcato il tecnico di elisoccorso e il personale medico, che ha potuto solamente constatarne il decesso. Recuperata, la salma è stata trasportata in piazzola dove attendeva il Soccorso alpino di Livinallongo. Alle 10.30 circa il 118 ha allertato il Soccorso alpino della Valle di Zoldo per una turista di Ferrara, F.N., 58 anni, che, mentre scendeva dalla strada sterrata tra Rifugio Pian dei Crep e Rifugio Sun Paradise è ruzzolata per una trentina di metri in una scarpata. Una volta sul posto i soccorritori assieme al personale della Croce Verde le hanno prestato le prime cure, la hanno imbarellata, mentre sopraggiungeva l'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore. Imbarcata, l'infortunata, con probabile trauma alla spalla e al volto, è stata accompagnata a Belluno. Alle 11.40 il Soccorso alpino di Sappada è invece intervenuto nei boschi sopra Borgata Lerpa, per una cercatrice di funghi che si era procurata un probabile trauma alla gamba. Raggiunta da sette soccorritori la donna, M.C., 74, di Udine, è stata stabilizzata e imbarellata. La squara la ha quindi trasportata alla jeep e da lì alla casa di villeggiatura da dove l'infortunata, rifiutata l'ambulanza, si è recata autonomamente al pronto soccorso. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è stato poi inviato al parcheggio delle Tre Cime di Lavaredo, per una ragazza colta da malore. C.F., 21 anni, di Selvazzano Dentro (PD), è stata accompagnata all'ospedale di Belluno per gli accertamenti del caso. Il Soccorso alpino di Agordo si è invece recato con il fuoristrada al Rifugio Vazzoler. Un alpinista volato su una via era riuscito infatti con il compagno di cordata a calarsi e raggiungere la struttura da solo. D.S., 34 anni, di Bene Vagienna (CN), con possibili traumi al torace e alla caviglia è stato quindi portato al pronto soccorso di Agordo.
Pubblicato in 2017
Mercoledì, 09 Agosto 2017 09:26

INTERVENTO IN SUPPORTO DELL'AMBULANZA

Enego (VI), 08 - 08 - 17
Questa mattina alle 11.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Asiago per intervenire in supporto all'ambulanza. Un anziano in vacanza nella frazione di Valgoda si era sentito poco bene, ma l'ambulanza non poteva raggiungerlo per la presenza sulla strada di una stretta galleria, in più l'abitazione si trovava 60 metri sotto la sede stradale. Assieme al personale sanitario e ai figli dell'uomo, i soccorritori lo hanno caricato in barella, trasportato sulla strada e da lì in fuoristrada fino all'ambulanza partita in direzione dell'ospedale di Bassano.
Pubblicato in 2017
Martedì, 08 Agosto 2017 13:22

SOCCORSO ESCURSIONISTA CON I CRAMPI

Recoaro Terme (VI), 06 - 08 - 17
Attorno a mezzogiorno la Centrale del 118 di Trento ha allertato il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, che è intervenuto assieme a quello di Roveteto lungo il sentiero del Vallon dei Cavai, dove un escursionista non riusciva a proseguire per i crampi. Una squadra si è avvicinata da Campogrosso in fuoristrada per poi proseguire a piedi una cinquantina di minuti. Ormai prossimo il temporale, una volta individuato e raggiunto l'uomo, che era in compagni di altre tre persone, il recupero è stato completato dall'eliambulanza di Trento.
Pubblicato in 2017
Martedì, 08 Agosto 2017 13:07

MALORE LUNGO IL CAMMINO

Auronzo di Cadore (BL), 04 - 08 - 17
Passate le 14 il 118 è stato allertato per un escursionista colto da malore, probabilmente a causa del caldo, sulla strada che da Col de Varda porta al Rifugio Carpi. Sul posto è stato inviato il fuoristrada dei militari del Sagf, che nel periodo estivo presidiano la zona delle Tre Cime assieme al Soccorso alpino di Auronzo. I soccorritori hanno raggiunto l'uomo, R.G., 57 anni, di Castelfranco Veneto (TV), che si trovava con la moglie e due figli, e lo hanno accompagnato fino al parcheggio dove la famiglia aveva il camper.
Pubblicato in 2017
Mercoledì, 02 Agosto 2017 19:42

MUORE COLTO DA MALORE

Auronzo di Cadore (BL), 02 - 08 - 17
Alle 12.50 il 118 è stato allertato per un escursionista colto da malore mentre con due amici si trovava al Bivacco Cadore, in Val Stalata, sotto i Campanili di Popera, dopo aver completato la Ferrata Roghel. L'elicottero, atterrato nelle vicinanze, a 2.200 metri di quota, ha sbarcato medico, infermiere e tecnico di elisoccorso che sono subentrati ai compagni dell'uomo, F.S., 65 anni, di Belluno, che stavano tentando di farlo riprendere e hanno a lungo praticato le manovre di rianimazione, purtroppo inutilmente. Constatato il decesso, la salma ricomposta è stata caricata a bordo e trasportata alla piazzola di Auronzo, dove attendeva personale del Soccorso alpino. Anche i due amici sono stati accompagnati a valle sotto shock.
Pubblicato in 2017
Martedì, 01 Agosto 2017 07:44

DUE INTERVENTI IERI SUL PASUBIO

Valli del Pasubio (VI), 31 - 07 - 17
Ieri la Stazione del Soccorso alpino di Schio è intervenuta in due occasioni dal pomeriggio alla sera. Nella prima, su richiesta del 118, verso le 17 una squadra si è portata in supporto dell'eliambulanza a Bocchetta Campiglia, dove un uomo colto da malore è stato accompagnato in macchina dalla Strada degli Scarubbi, in Pasubio. Imbarcato sull'elicottero di Trento, R.P., 68 anni, di Vicenza, è stato trasportato all'ospedale di Trento per le verifiche del caso. Alle 18 circa invece i soccorritori sono saliti a piedi all'altezza della 19a galleria, sulla Strada delle gallerie, per un'escursionista che si era procurata un trauma alla caviglia. Raggiunta, S.S., 60 anni, di Padova, è stata stabilizzata, caricata in barella e condotta a valle. La squadra ha poi portato direttamente l'infortunata al pronto soccorso di Santorso.
Pubblicato in 2017
Lunedì, 17 Luglio 2017 18:18

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 17 - 07 - 17
Attorno alle 16 il 118 ha allertato due volte il Soccorso alpino. Ad Auronzo di Cadore sono intervenuti i militari del Sagf che hanno raggiunto al Rifugio Lavaredo un'escursionista che si sentiva poco bene. Accompagnata a valle con il fuoristrada, R.A., di Quarrata (PT), 50 anni, si è allontanata autonomamente assieme al marito. A Cortina d'Ampezzo un turista fiorentino, V.E., 63 anni, si è invece slogato una caviglia sul Lagazuoi. Anche in questo caso si sono mossi i militari del Sagf, che hanno trasportato l'uomo e i familiari fino alla strada, da dove questi hanno deciso di dirigersi da soli al pronto soccorso.
Pubblicato in 2017
Lunedì, 17 Luglio 2017 18:11

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 15 - 07 - 17
Sono stati numerosi oggi gli interventi per Suem e Soccorso alpino sulle montagne bellunesi. Durante una gara di mountain bike uno dei partecipanti ha accusato un dolore toracico non distante dal Rifugio Son Forca, sul Cristallo. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha imbarcato l'uomo, A.C.,  56 anni, di Spresiano (TV), e lo ha accompagnato all'ospedale di Belluno per i controlli del caso. Sempre a Cortina d'Ampezzo, una squadra del Soccorso alpino ha raggiunto una escursionista che si era fatta male a una caviglia a Ponte Alto, vicino alle cascate di Fanes, e la ha accompagnata a valle. Ad Auronzo di Cadore, l'eliambulanza è intervenuta al Rifugio Città di Carpi, dove un ragazzino di 13 anni di Brugherio (MB), si era procurato un possibile trauma alla schiena e lo ha trasportato all'ospedale di Treviso. Il gestore del Rifugio Lavaredo ha invece accompagnato due escursioniste al Rifugio Auronzo, entrambe con problemi alla spalla:D.S., 65 anni, di Mirano (VE), è stata poi affidata all'ambulanza, mentre R.F., 56 anni, di Bologna, si è allontanata con i mezzi propri. Infine il Pelikan di Bressanone è stato inviato a Forcella Col di Mezzo, su richiesta del figlio di un escursionista che si era sentito male. L'uomo è stato imbarcato e portato a Brunico per le opportune verifiche.
Pubblicato in 2017
Pagina 10 di 12

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.