Domenica, 25 Agosto 2019 14:23

SOCCORSO CERCATORE DI FUNGHI

Posina (VI), 21 - 08 - 19
Attorno alle 18 il Soccorso alpino di Arsiero è stato allertato dalla Centrale del 118 per una persona fattasi male mentre andava a funghi. L'uomo, G.S., 72 anni, di Bolzano Vicentino (VI), dopo essere scivolato - già verso le 16 - lungo un pendio ed essere caduto da un salto di alcuni di metri, aveva chiamato il figlio che, dopo averlo ritrovato, aveva dato l'allarme attendendo i soccorritori sul posto. In 14, tra i quali medico e infermiere di Stazione, hanno raggiunto l'infortunato, che si trovava lungo una silvo-pastorale in prossimità di Passo Xomo, e gli hanno prestato le prime cure per i probabili traumi al volto, alla gamba e alla schiena riportati nella caduta. Dopo averlo imbarellato, lo hanno quindi trasportato per 400 metri fino all'ambulanza, partita poi in direzione dell'ospedale di Santorso.
Pubblicato in 2019
Domenica, 25 Agosto 2019 14:20

FUNGAIOLO SI INFORTUNA IN COMELICO

Comelico Superiore (BL), 21 - 08 - 19
Verso le 11.30 il Soccorso alpino della Val Comelico è stato allertato per un fungaiolo che si era fatto male nei boschi in prossimità del Lago dei rospi, a una ventina di minuti di distanza da Malga Coltrondo. Una squadra ha raggiunto in jeep il luogo indicato, dove  D.B., 60 anni, di Treviso - che si era approntato una steccatura di fortuna con un bastone e dei lacci - aveva raggiunto la strada. I soccorritori, arrivati in cinque, hanno provveduto ad applicare i dovuti presidi sanitari all'uomo, che aveva riportato la probabile frattura di una caviglia e si trovava con la moglie. Caricato a bordo del fuoristrada, lo hanno quindi trasportato alla Malga e poi fino a Passo Monte Croce dove lo hanno affidato all'ambulanza di Dosoledo, partita in direzione dell'ospedale di Pieve di Cadore.
Pubblicato in 2019
Martedì, 20 Agosto 2019 10:52

SI INFORTUNA IN CERCA DI FUNGHI

Comelico Superiore (BL), 20 - 08 - 19
Attorno alle 9 una squadra del Soccorso alpino della Val Comelico è intervenuta assieme al Sagf di Auronzo di Cadore, per una cercatrice di funghi caduta in un bosco non distante da Casera Moie, a Padola. Quando è scivolata, P.U., 52 anni, di Udine, sii trovava 300 metri circa sopra la strada, assieme a un amico che ha atteso e guidato i soccorritori. Una volta raggiunta dalla squadra, dall'equipe medica e tecnico di elisoccorso dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, atterrati poco distante, le sono state prestate le prime cure. Il personale sanitario le ha quindi stabilizzato la gamba a seguito del possibile trauma alla caviglia riportato. La donna è stata imbarellata, calata per una sessantina di metri nel tratto più ripido e trasportata fino all'eliambulanza, decollata in direzione dell'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 19 Agosto 2019 12:52

INFORTUNIO NEL BOSCO

Gallio (VI), 18 - 08 - 19
Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino di Asiago è intervenuto in supporto all'ambulanza nei boschi in prossimità del Rifugio Campomulo, dove, sceso lungo un pendio assieme alla moglie in cerca di funghi, un sessantenne di Cittadella (PD), aveva messo male il piede in una cavità della roccia, riportando la probabile frattura di una gamba. Raggiunto dai sanitari, l'infortunato è stato steccato e imbarellato. Con l'aiuto dei soccorritori, la barella è stata poi trasportata per 300 metri fino alla strada e da lì all'ospedale di Asiago.
Pubblicato in 2019
Enego (VI), 17 - 08 - 19
Ieri sera attorno alle 21.30 il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato per prendere parte alle ricerche di un fungaiolo uscito in mattinata nei boschi di Marcesina assieme al cognato e ad un amico e non rientrato. Sul posto anche i Vigili del fuoco. Una squadra in jeep è risalita verso Marcesina, mentre un'altra è scesa sempre in fuoristrada dalle Melette verso Campo Cavallo, dove poi è stata rinvenuta parcheggiata la macchina del settantaquattrenne di Bassano del Grappa (VI), non contattabile al cellulare poiché nella zona non c'è copertura telefonica. I soccorritori sono quindi stati richiamati al Rifugio Val Maron per fare il punto per l'organizzazione della ricerca e quando sono tornati per iniziare la perlustrazione, passate le 23, non hanno più ritrovato la macchina. Fortunatamente l'uomo era tornato indietro ed era in viaggio verso casa. L'allarme è quindi cessato.
Pubblicato in 2019
Martedì, 13 Agosto 2019 12:55

FUNGAIOLO RUZZOLA NEL BOSCO PER 200 METRI

San Nicolò Comelico (BL), 13 - 08 - 19
Questa mattina attorno alle 9 il Soccorso alpino della Val Comelico è stato allertato dalla Centrale del Suem, per intervenire in supporto all'elicottero di Pieve di Cadore in aiuto di un fungaiolo ruzzolato per 200 metri in un bosco molto ripido. L'uomo, S.C., 67 anni, di San Nicolò Comelico (BL), era scivolato e caduto mentre con un amico si trovava nella zona di Casera Aiaredo, una sessantina di metri sopra la strada che dal Rifugio De Dòo porta a Malga Melin. Raggiunto dall'equipe medica e dal tecnico di elisoccorso, all'infortunato sono state prestate le prime cure, mentre sopraggiungevano 6 soccorritori, tra i quali 2 del Sagf di Auronzo. Una volta imbarellato, il cercatore di funghi è stato calato lungo il pendio fino alla strada, per poi essere imbarcato e accompagnato all'ospedale di Treviso con una sospetta frattura alla spalla.
Pubblicato in 2019
Belluno, 09 - 08 - 19
Attorno alle 15 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in direzione dei boschi di Col di Villapiccola ad Auronzo di Cadore, per un fungaiolo colto da malore. Dopo aver individuato, non senza difficoltà, il punto in mezzo agli alberi dove si trovava l'uomo, L.R., 49 anni, di San Donà di Piave (VE), assieme all'amico che aveva dato l'allarme, l'elicottero ha sbarcato medico, infermiere e tecnico di elisoccorso con un verricello di 50 metri. Purtroppo non è stato possibile altro che constatarne il decesso. Ricomposta, la salma è stata recuperata e trasportata a valle. Pronto a intervenire anche il Soccorso alpino di Auronzo. Una squadra del Soccorso alpino della Val Biois è invece partita alla ricerca di un escursionista che si era perso in mezzo agli schianti, in un'area compresa tra la frazione di Cianazede e il Piz Zorlet, a San Tomaso Agordino. Riusciti a risalire alle coordinate Gps, i soccorritori hanno impiegato due ora a ritrovare A.P., 75 anni, di Venezia, tra le piante abbattute. Una volta da lui, verificato che si era fatto male a una caviglia, l'uomo è stato imbarcato con un verricello dall'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore, poi partita in direzione dell'ospedale di Agordo. Anche i due soccorritori sono stati caricati a bordo e portati in piazzola. Un escursionista trevegiano, S.A., 46 anni, che aveva perso l'orientamento scendendo dal Monte Rusiana, ad Auronzo di Cadore, è stato aiutato telefonicamente dalla Centrale operativa, che, capito dove si trovava, gli ha dato le indicazioni per tornare alla macchina. L'eliambulanza dell'Aiut Alpin Dolomites di Belluno ha invece soccorso un turista padovano, R.B., 41 anni, sentitosi poco bene mentre si trovava in prossimità del Lago Coldai, in Civetta. L'uomo è stato accompagnato all'ospedale di Agordo per le verifiche del caso.
Pubblicato in 2019
Martedì, 13 Agosto 2019 12:16

UOMO SOCCORSO IERI SERA IN GRAVI CONDIZIONI

Arsiè (BL), 07 - 08 - 19
Ieri attorno alle 19.30 è scattato l'allarme per una persona caduta nella zona del Col di Baio, sopra il Lago del Corlo. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha fatto un primo tentativo di avvicinamento, costretto a rientare per il maltempo. È quindi subentrata l'eliambulanza di Treviso emergenza che, dopo aver imbarcato un tecnico del Soccorso alpino di Feltre in supporto alle operazioni, è stata guidata sul posto e ha sbarcato medico, tecnico di elisoccorso e soccorritore con un verricello di trenta metri, per poi tornare in base. Sul posto c'era già un'ambulanza e l'infortunato, F.D.B., 77 anni, di Fonzaso (BL) era stato raggiunto dai due infermieri, con lui anche il figlio. Dalle informazioni sulla dinamica dell'incidente, scendendo nel bosco nel tratto tra due strade in cerca di funghi, l'uomo era scivolato per diverse decine di metri tra le piante, riportando un probabile grave politrauma e perdendo coscienza. Prestate le prime cure urgenti, i soccorritori lo hanno imbarellato e trasportato a mano per circa 200 metri fino alla sterrata dove era in attesa l'ambulanza. Accompagnato a Feltre, l'infortunato è poi stato trasferito a Treviso.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 05 Agosto 2019 12:10

ALTRI INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 04 - 08 - 19
Alle 17.10 il Soccorso alpino della Val Biois è stato allertato, su richiesta del personale degli impianti del Col Margherita, per un escursionista che si era fatto male nei pressi della strada sterrata che scende sulle piste, non distante dal Rifugio Laresei. Una squadra ha raggiunto in fuoristrada il punto indicato, all'altezza del palo numero 16 dell'impianto, e, dopo avergli immobilizzato il piede, ha caricato a bordo G.G., 23 anni, di Roma, che, mentre camminava assieme al fratello, si era storto una caviglia. I soccorritori lo hanno quindi accompagnato a Passo Valles, da dove si è allontanato autonomamente. Sempre attorno alle 17 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato a Cortina d'Ampezzo, verso le Cinque Torri. Un dodicenne romano, in passeggiata con il padre e una comitiva di persone, era infatti caduto ferendosi sotto al ginocchio, a qualche centinaio di metri dal Rifugio Scoiattoli. Il ragazzino è stato medicato, imbarcato e portato all'ospedale di Agordo. Poco prima delle 18 sono arrivate al 118 numerose chiamate di persone che sentivano grida di aiuto provenire dalla Valle di Lamen, a Pedavena. Cinque tecnici del Soccorso alpino di Feltre si sono portati sul luogo dividendosi per la ricerca e, non senza fatica, sono riuscito a capire da dove arrivavano i richiami. In cerca di funghi, un quarantaquattrenne di Borgo Valbelluna (BL), era ruzzolato per una settantina di metri in un ripido canale difficoltoso da raggiungere in zona Pendana, in fondo alla vallata. Mentre tre soccorritori lo raggiungevano (e due rimanevano alla base della scarpata), l'elicottero di Treviso emergenza imbarcava un altro soccorritore in piazzola per guidare velocemente l'equipaggio a destinazione, poi sbarcato assieme a medico e tecnico di elisoccorso. Al fungaiolo sono state prestate le prime cure Dopo essere stato imbarellato, l'infortunato, che aveva riportato probabili traumi a spalle e costole, nonché diverse contusioni, è stato recuperato con un verricello e trasportato all'ospedale di Feltre. Anche i soccorrirori intervenuti sono stati elitrasportati a valle. 
Pubblicato in 2019
Domenica, 28 Luglio 2019 17:57

TROVATA SENZA VITA CERCATRICE DI FUNGHI

Auronzo di Cadore (BL), 23 - 07 - 19
Verso le 12 la Centrale del 118 è stata allertata per il mancato rientro di una cercatrice di funghi nella zona del Monte Rusiana. Partita alle 7.15 dall'agriturismo di Pralongo, N.S, 69 anni, di Povegliano (TV), era d'accordo con il marito che sarebbe tornata verso le 10.30. Non vedendola più rientrare, l'uomo aveva dato l'allarme. Mentre le squadre del Soccorso alpino e del Sagf di Auronzo si portavano sul posto, una persona ha individuato il corpo senza vita della donna in fondo a una scarpata laterale della strada che sale a Pian de Sera. Forse a causa degli smottamenti causati dal passaggio di Vaia, la cercatrice di funghi era infatti scivolata fino al greto del torrente sottostante, riportando traumi fatali. Constatato il decesso, una volta ottenuto il nulla osta per la rimozione, la salma ricomposta e imbarellata e stata riportata sulla strada dai soccorritori, per poi essere accompagnata alla cella mortuaria.
Pubblicato in 2019
Pagina 2 di 5

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.