Venerdì, 16 Novembre 2018 14:51

INTERVENTO NELLA NOTTE, RECUPERATI EOLO ED ELSA

Vittorio Veneto (TV), 16 - 11 - 18
Recuperati nella notte due cani da caccia, bloccati nel mezzo della frana del Fadalto da due giorni. Ieri sera attorno alle 21.30 il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane è stato allertato da padre e figlio che chiedevano se fosse possibile aiutarli a riprendere i loro due cani, Eolo ed Elsa, scappati due giorni prima seguendo la traccia di qualche selvatico. Grazie alla presenza del Gps sul collare, i proprietari dopo averli a lungo cercati erano riusciti a localizzarli in un punto purtroppo per loro inacessibile: dal sentiero del Pian della Pita erano infatti scesi a Carbonate, sopra Casera Lastrona, nel mezzo della frana del Fadalto, finendo incrodati su uno sperone, da un lato un salto verticale, dall'altro un ripido ghiaione di rocce friabili e taglienti. Cinque soccorritori, tra i quali i conduttori delle due unità cinofile di Stazione, si sono avvicinati con la jeep guidati dai padroni, per valutare le possibilità di intervento. La squadra ha quindi iniziato a risalire il ghiaione, seguendo i latrati dei due setter. Dopo circa 400 metri di dislivello sono riusciti a individuarli e hanno deciso di proseguire nel recupero, per non rischiare che, cercando di muoversi, i cani si ferissero o peggio. I soccorritori si sono spostati fino a raggiungere lo sperone. Sfiniti, assetati e affamati, Elsa si è lasciata avvicinare subito, Eolo, impaurito, ci ha messo un po' di più a superare la diffidenza, vinta a crocchette e carezze. Una volta al guinzaglio e dopo aver bevuto, lentamente i due cani hanno seguito nel rientro gli uomini, fino ad arrivare alla strada forestale dove attendevano padre e figlio. L'intervento si è concluso poco prima delle due.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 06 Agosto 2018 15:51

RECUPERATO CANE CADUTO IN UN FOSSATO

Valli del Pasubio (VI), 05 - 08 - 18
Attorno alle 13 i proprietari di un cane caduto in un profondo fossato hanno chiesto aiuto al Soccorso alpino di Schio. Allontanatosi dai padroni, era infatti scivolato nel bosco, cadendo in una scarpata verticale, senza poter più risalire. Due soccorritori, che si trovavano al Rifugio Balasso, hanno raggiunto il luogo dove si trovava la bestiola e si sono calati per diversi metri sulla verticale. Una volta scesi, il cane si è lasciato avvicinare e si è fatto assicurare per poi risalire assieme a loro e tornare dai suoi proprietari.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 30 Luglio 2018 11:20

SOCCORSA COPPIA IN DIFFICOLTÀ

Santo Stefano di Cadore (BL), 25 - 07 - 18
Attorno alle 16 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sopra la Val Visdende, in aiuto di una coppia di escursionisti austriaci, esausti per la fatica, che si trovavano sulle creste sopra Malga Antola, a 2.200 metri di altitudine. Imbarcati sull'eliambulanza i due sono stati portati a valle. Un tecnico del Soccosro alpino della Val Comelico portato sul posto ha ripreso il cane della coppia per ricondurlo a piedi dai proprietari.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 05 Luglio 2018 14:57

SOCCORSA ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Canale d'Agordo (BL), 04 - 07 - 18
Partita dalla Valle di Gares per una passeggiata col suo cane verso Casera Vecia lungo il sentiero numero 755, un'escursionista, E.B., 42 anni, di Albignasego (PD), ha poi scelto una deviazione per Malga Stia, ma ha sbagliato sentiero e si è smarrita. Tornata sui suoi passi, colta inoltre dal temporale, non riuscendo a ritrovare il percorso corretto, ha chiesto aiuto attorno alle 16. Una squadra del Soccorso alpino della Val Biois è arrivata a Malga Stia in jeep per poi proseguire a piedi. Dal momento che non c'era copertura telefonica sufficiente per geolocalizzarla, i soccorritori hanno iniziato a cercarla e a chiamarla a voce, finché lei non ha risposto ed è stata individuata a circa 1.800 metri di altitudine. Una volta raggiunta, la squadra la ha riaccompagnata a valle.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 05 Luglio 2018 14:41

RECUPERATO BYRON SOTTO LA TORRE TRIESTE

Taibon Agordino (BL), 30 - 06 - 18
Attorno alle 16 il Soccorso alpino di Agordo è stato messo in contatto dal 118 con il proprietario di Byron, un setter irlandese che era scappato all'improvviso scomparendo alla sua vista mentre stavano percorrendo il sentiero numero 558 verso il Van delle Sasse, sotto la Torre Trieste. Una squadra si è portata sul posto, affiancata presto anche da un'unità cinofila. Dalla ripida pala sottostante proveniva l'abbaiare del cane, difficile da individuare per il rimbombo dell'eco. I soccorritori hanno cercato di circoscrivere la possibile posizione di Byron e sono riusciti a risalire con precisione alla verticale. Con due calate di 100 metri totali, un primo soccorritore è sceso superando un salto di roccia e si è fermato sulla piccola cengia tra i mughi dove il cane era bloccato. Byron si è subito avvicinato e si è lasciato mettere un cordino per poi seguire in salita il soccorritore fino al sentiero e ritrovare il suo padrone. 
Pubblicato in 2018
Giovedì, 28 Giugno 2018 10:39

PURTROPPO NESSUNA TRACCIA DI LAIKA

San Nazario (VI), 27 - 06 - 18
Questa mattina alle 6 una squadra del  Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è tornata a cercare Laika, una cagnolina sparita domenica 17 giugno, inseguendo la traccia di un animale durante un'escursione sopra San Nazario con i proprietari. I soccorritori hanno perlustrato tutta la base degli strapiombi più a nord e hanno effettuato diverse calate da 60 a 120 metri lungo le fenditure che tagliano il Grappa nella zona della Val Fontanon, dove Laika si è allontanata. Ridisceso completamente per 200 metri anche un grande canalone che alla base ha poi degli strapiombi impercorribili. La zona è fittamente boscata e frastagliata e anche i controlli a vista sono stati in gran parte vanificati. Purtroppo a nulla è valso questo nuovo tentativo di riportarla ai suoi padroni.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 28 Giugno 2018 10:37

IN CERCA DI LAIKA SUL GRAPPA

San Nazario (VI), 25 - 06 - 18
Nel primo pomeriggio una squadra del Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è partita alla ricerca di Laika, una cagnolina sparita domenica 17 giugno, inseguendo la traccia di un animale durante un'escursione sopra San Nazario con i proprietari, che la hanno a lungo cercata ovunque. Oggi è stato chiesto l'intervento dei soccorritori, poiché alcuni cacciatori avevano sentito i richiami di un cane provenienti da uno dei dirupi di quella zona. La squadra è risalita lungo il sentiero numero 938 verso il Monte Fenilon, uscendo dal percorso e verificando la base dei salti di roccia tutt'attorno, per perlustrare poi l'area dell'Alpe Penise. Purtroppo durante l'intera ricerca non hanno mai sentito abbaiare ed è stato impossibile risalire al punto dove potrebbe trovarsi Laika. Il Grappa su quel versante è frastagliato e inciso da decine di canali e continui strapiombi. Il Soccorso alpino della Pedemontana resta a diaposizione, se dovesse esserci un'altra segnalazione che possa dare riferimenti maggiormente circoscritti, per andare a cercarla nuovamente.
Pubblicato in 2018
Valli del Pasubio (VI), 10 - 06 - 18
Alle 15 circa il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Schio a seguito della chiamata di un escursionista che chiedeva aiuto, se possibile, per il proprio cane. Scendendo in Val Canale dal Rifugio Papa verso Pian delle Fugazze, infatti, Lazi, una femmina di Bovaro del Bernese, si era ferita ai polpastrelli e non ne voleva più sapere di muoversi, pur avendo lui tentato di approntarle delle fasciature alle zampe. Una squadra è quindi partita dal Rifugio Balasso in jeep e lungo la Strada degli eroi ha raggiunto il Papa. Da lì due soccorritori sono scesi portando la barella per circa 200 metri di dislivello, finché non hanno incrociato l'escursionista con il suo cane, a circa 1.700 metri di altitudine, che piano piano stava risalendo. Lazi, scortata dai soccorritori, è riuscita a ritornare da sola al Rifugio Papa, dove è stata poi caricata sul fuoristrada e accompagnata col suo padrone fino alla macchina.
Pubblicato in 2018
Martedì, 29 Maggio 2018 10:55

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Selva di Progno (VR), 01 - 05 - 18
Uscito per una passeggiata con il proprio cane sopra l'abitato di Giazza, un escursionista ha iniziato a salire il sentiero che porta a Malga Terrazzo, finché ha perso la traccia del sentiero e si è ritrovato in un canale dalla fitta vegetazione. Cercando di tornare sui propri passi è scivolato e ha preferito subito non proseguire e chiamare aiuto. Il figlio è partito subito per cercarlo, mentre, allertate dal 118 avvisato dai Vigili del fuoco, due squadre del Soccorso alpino di Verona avviavano le perlustrazioni lungo la rete sentieristica. Quando il figlio è riuscito a rintracciare l'uomo, F.C., 74 anni, di Selva di Progno (VR), ha mandato le coordinate Gps alla centrale operativa. Individuato il punto, l'elicottero di Verona emergenza ha recuperato con un verricello l'escursionista, trasportato in via precauzionale all'ospedale di San Bonifacio. Il figlio è rientrato autonomamente portando con sé anche il cane.
Pubblicato in 2018
Sospirolo (BL), 29 - 04 - 18
Durante il giro della Val Falcina, laterale della Valle del Mis, a metà strada del percorso antiorario in rientro, il cane di una coppia di Piazzola sul Brenta (PD), una femmina di Weimaraner, si è allontanato ed è scivolato in un canale, scomparendo. Scattato l'allarme alle 14.30 circa, una squadra del Soccorso alpino di Belluno si è portata sul posto. Uno dei soccorritori ha quindi raggiunto il proprietario, che nel frattempo era sceso assieme a un passante e aveva purtroppo ritrovato la bestiola priva di vita, venti metri più sotto vicino all'acqua, e la stava riportando verso il sentiero. I soccorritori hanno quindi aiutato il ragazzo a risalire, caricando poi il cane in uno zaino e trasportandolo fino alla strada. 
Pubblicato in 2018
Pagina 1 di 2

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.