Mercoledì, 07 Novembre 2018 15:05

INTERVENTO NELLA NOTTE SUL CAREGA

Recoaro Terme (VI), 22 - 10 - 18
Ieri attorno alle 20 il gestore del Rifugio Campogrosso ha contattato il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno a seguito della chiamata di una donna, il cui marito si trovava in difficoltà  dalle parti del Vaio dell'Acqua sul Carega. Messisi in contatto con l'uomo, i soccorritori hanno appreso dalle sue parole che aveva in realtà risalito da solo il Vaio dei Colori, per poi proseguire su un terreno che non conosceva. Durante la discesa però era caduto da un salto di roccia e si era fatto male a una gamba e a un braccio. Dopo aver allertato anche il Soccorso alpino di Rovereto, supportato poi da quello di Ala, le squadre vicentine si sono messe in movimento raggiungendo il campo base fissato al Rifugio Campogrosso. L'elicottero di Trento ha sorvolato l'area con i visori notturni, senza rinvenire traccia dell'escursionista, ed ha provveduto al trasporto in quota dei soccorritori in modo da velocizzare i tempi di ricerca. Fortunatamente verso le le 3.30 l'uomo, E.P., 61 anni, di Valdagno (VI), è stato individuato da una squadra in area trentina, nel comune di Vallarsa, molto distante rispetto alla prima zona indicata. Aveva riportato la probabile frattura di entrambe le gambe e possibili altri traumi e, date le basse temperature, presentava sintomi di ipotermia. L'intervento di recupero è quindi stato portato avanti dal Soccorso alpino di Ala e Rovereto, mentre le squadre di Recoaro - Valdagno rientravano alle 5.
 
Pubblicato in 2018
Mercoledì, 07 Novembre 2018 14:54

SI INFORTUNA RACCOGLIENDO OLIVE

San Zeno di Montagna (VR), 20 - 10 - 18
Poco prima di mezzogiorno, la Centrale operativa del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Verona per un infortunio in un uliveto, a un chilometro e mezzo di distanza dall'abitato di San Zeno di Montagna. Raccogliendo olive infatti, N.L., 37 anni, di Gardone Val Trompia (BS), si era procurata la sospetta lussazione di una spalla. Una squadra si è avvicinata in fuoristrada per poi proseguire a piedi lungo una mulattiera, assieme al personale sanitario dell'ambulanza di Bardolino e ai Vigili del fuoco. Raggiunta, l'infortunata è stata medicata, caricata in barella e trasportata fino alla strada, per essere poi accompagnata all'ospedale di Peschiera.
Pubblicato in 2018
Venerdì, 19 Ottobre 2018 11:43

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 14 - 10 - 18
L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il sentiero numero 853, tra Bivacco Palia e Casera Ere, nel comune di San Gregorio nelle Alpi, per un escursionista che era caduto e aveva sbattuto il volto. A.R., 35 anni, di Mel (BL), che si trovava con una coppia di amici, è stato recuperato con un verricello di 30 metri e trasportato all'ospedale di Belluno. Successivamente l'eliambulanza è volata a Cortina d'Ampezzo, all'uscita della Ferrata degli alpini sul Col dei Bos, per una turista austriaca colta da malore. La donna, K.B., 52 anni, è stata imbarcata sempre con il verricello e accompagnata al San Martino per i controlli del caso. L'elicottero è poi stato inviato a Domegge di Cadore, sugli Spalti di Toro. Scendendo da Forcella Segnata un escursionista era caduto sulle rocce procurandosi probabili trauma alla gamba e a un braccio. Recuperato dall' equipaggio, C.G., 44 anni, di Pocenia (UD), è stato portato all'ospedale di Belluno. Infine una squadra del Soccorso alpino della Val di Zoldo ha raggiunto con la jeep un'escursionista che si era slogata una caviglia scendendo dal Coldai verso Malga Pioda e la ha riaccompagnata a valle.
 
Pubblicato in 2018
Giovedì, 11 Ottobre 2018 11:19

CADE CON LA MOUNTAIN BIKE

Bassano del Grappa (VI), 07 - 10 - 18
Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato dalla Centrale del 118 per un ciclista caduto dalla propria mountain bike lungo un sentiero in località Campese. Arrivata nelle vicinanze, una squadra con un infermiere si è portata sul luogo dell'incidente guidata da una persona. Raggiunto nel bosco l'infortunato, A.T., 61 anni, tedesco, che si trovava con amici tra i quali un medico, gli sono state prestate le prime cure. Nel frattempo è sopraggiunto anche l'elicottero di Treviso emergenza che ha sbarcato nelle vicinanze personale sanitario e tecnico di elisoccorso. Caricato in barella, l'uomo, che aveva riportato un probabile trauma toracico, è stato recuperato con un verricello e trasportato all'ospedale di Bassano del Grappa.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 20 Settembre 2018 14:05

SI SPORGE E CADE SULLA ROCCA DI GARDA

Garda (VR), 19 - 09 - 19
Attorno alle 13.30 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Verona per un infortunio avvenuto alla Rocca di Garda. Una squadra si è portata sul posto e ha appurato la dinamica dell'incidente. Un venticinquenne tedesco, che era con alcuni amici, sporgendosi per fare una foto era caduto una decina di metri, finendo su una cengia sottostante. I compagni lo avevano aiutato a tornare su e avevano dato l'allarme. Il giovane, che aveva riportato un probabile trauma alla spalla, dopo aver ricevuto le prime cure dal personale medico è stato quindi accompagnato dai soccorritori all'elicottero di Verona emergenza atterrato nelle vicinanze per essere trasportato all'ospedale.
 
Pubblicato in 2018
Giovedì, 20 Settembre 2018 13:59

CADE IN MOUNTAIN BIKE, È GRAVE

Pieve di Cadore (BL), 16 - 09 - 18
Alle 17.40 circa la Centrale del 118 è stata allertata per un ciclista caduto dalla propia mountain bike sulla strada forestale che scende da Casera Tamarì. Atterrati nelle vicinanze, tecnico di elisoccorso, medico e infermiere hanno subito prestato le prime cure urgenti a A.G., 40 anni, di Lorenzago di Cadore (BL), apparso subito in gravi condizioni a seguito di un possibile trauma facciale. Caricato in barella, l'infortunato è stato trasportato all'elicottero decollato in direzione dell'ospedale di Treviso. Prima l'eliambulanza era intervenuta sulla normale al Civetta, nel comune di Val di Zoldo, per un escursionista diciassettenne di Revine Lago (TV) che, messo male un braccio aveva riportato una probabile lussazione. Recuperato con un verricello di 15 metri, il ragazzo è stato accompagnato all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 06 Settembre 2018 10:35

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 05 - 09 - 18
Attorno alle 13 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto a Lorenzago di Cadore, all'uscita del sentiero attrezzato del Romotoi, dove, poco dopo essersi fermato con i genitori, un ragazzino di 13 anni, si era tagliato a un dito con un coltellino. Sbarcati nelle vicinanze tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio e il medico, al giovane sono state prestate le prime cure. Recuperato con un verricello di 50 metri, il ragazzo è stato poi trasportato all'ospedale di Belluno. L'eliambulanza dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è stata invece inviata ad Auronzo di Cadore, sulla strada bianca del Bus de Pogofa che unisce il Rifugio Col de Varda al Città di Carpi, per un ciclista che era caduto dalla propria mountain bike riportando un probabile trauma al volto e cranico. Imbarcato, l'infortunato è stato accompagnato al pronto soccorso di Bolzano.
Pubblicato in 2018
Venerdì, 31 Agosto 2018 10:51

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 30 - 08 - 18
Alle 12.30 circa il 118 è stato allertato per un'escursionista caduta mentre da Forcella Marmarole scendeva in Val da Rin, ad Auronzo di Cadore. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha sorvolato la zona, individuando F.R.C., 54 anni, di Roma, poco a monte dell'Albergo di Baion, dove era ruzzolata sulla ghiaia, sbattendo la testa. Prestatele le prime cure, la donna è stata imbarellata e imbarcata in hovering per essere trasportata all'ospedale di Belluno. Poco prima delle 14 invece una squadra del Soccorso alpino di San Vito di Cadore è intervenuta nei dintorni del Rifugio Talamini, a Vodo di Cadore, poiché una donna, B.M.C., 59 anni, di Padova, si era procurata un trauma alla caviglia. Raggiunta dai soccorritori, l'infortunata è stata portata fino alla strada, distante 200 metri, da dove si è allontanata autonomamente con il marito.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 20 Agosto 2018 10:54

MONTE PALON: INTERVENTO IERI SERA

Possagno (TV), 12 - 08 - 18
Alle 20.40 ieri sera il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato per un'escursionista caduta ed incosciente tra Monte Palon e Cima della Mandria, zona del Tomba. Messi in contatto con la persona che aveva dato l'allarme, i soccorritori hanno capito il punto esatto in cui era avvenuto l'incidente, le trincee del Monte Palon, dove una donna, straniera, era scivolata dalla cima, finendo 3-4 metri più sotto. Due squadre si sono portate sul posto, assieme ai due infermieri dell'ambulanza del 118 di Valdobbiadene, raggiunte poi anche dal medico del Suem di Crespano. La donna, che nel frattempo si era ripresa e lamentava dolori lombari, è stata stabilizzata, con probabili traumi lombare e cranico, e caricata in barella, per essere trasportata per un quarto d'ora fino alla strada e da lì all'ospedale di Castelfranco.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 09 Agosto 2018 08:09

INTERVENTI AL VANDELLI E A ROCCA PIETORE

Belluno, 07 - 08 - 18
Nel primo pomeriggio l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto in due momenti diversi nella zona del Rifugio Vandelli, in un caso atterrando direttamente in piazzola per imbarcare un escursionista, R.M., 69 anni, di Costa di Rovigo, che si era infortunato alla caviglia, e trasportarlo all'ospedale di Belluno. Nel secondo caso è volato lungo il sentiero numero 215, dove un'escursionista era stata colta da una crisi d'ansia nel tratto attrezzato, bloccata all'altezza delle scalette metalliche. La donna, D.R., 47 anni, di Foligno (PG), è stata recuperata con un verricello dal tecnico del Soccorso alpino di turno con l'equipaggio e accompagnata all'ospedale di Cortina. Infine verso le 18 l'equipaggio ha recuperato una donna che si era persa nel bosco sopra l'abitato di Costa, a Rocca Pietore, ed era ruzzolata per una cinquantina di metri. Scivolata mentre andava in cerca di funghi, I.A., 54 anni, di Sondrio, aveva sbattuto al volto, perdendo gli occhiali, e in altre parti del corpo. Molto scossa, non riusciva a dare indicazioni precise del luogo in cui si trovava. Una squadra del Soccorso alpino della Val Pettorina ha iniziato a cercarla finché lei non ha risposto ai richiami. Una volta raggiunta, le sono state prestate le prime cure anche grazie all'intervento del personale medico sbarcato nelle vicinanze. Imbarellata, l'infortunata, con un possibile politrauma, è stata imbarcata con un verricello dall'eliambulanza che si è diretta all'ospedale di Treviso.
Pubblicato in 2018
Pagina 1 di 5

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.