Lunedì, 05 Agosto 2019 11:53

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 02 - 08 - 19
Alle 15.20 circa la Centrale del 118 ha ricevuto diverse chiamate da persone che avevano sentito ripetute grida di aiuto provenire dalla zona della Ferrata delle Trincee, sul Padon. L'equipaggio dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, subito decollato, ha effettuato una ricognizione dell'area, trasportando in quota una squadra del Soccorso alpino di Livinallongo per poi rientrare, mentre altri soccorritori salivano con la funivia. La perlustrazione, durata fino alle 19, senza che si udissero altri richiami, non ha portato a rinvenire alcuno in difficoltà.
Alle 15.30 il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato per un'escursionista tedesca di 35 anni, che si era fatta male a una gamba lungo il sentiero numero 424 di Pian dei Menis, Col Gallina. Una squadra del Sagf ha quindi raggiunto la donna con il fuoristrada e la ha accompagnata fino alla strada, dove attendeva l'ambulanza della Croce Bianca diretta all'ospedale Codivilla.
Pubblicato in 2019
Domenica, 28 Luglio 2019 18:22

RICERCA NELLA NOTTE, ALLARME RIENTRATO

Tambre d'Alpago (BL), 27 - 07 - 19
Ieri sera attorno alle 21.30 è scattato l'allarme per due escursionisti, attesi al Rifugio Semenza, che non si erano presentati, dopo il forte temporale scatenatosi sulle montagne dell'Alpago.  I due uomini, di 69 e 70 anni, veronesi, erano partiti per percorrere l'Alta via numero 7 e avevano come meta il Rifugio nella tappa dal Brut Pass. Fissato il campo base a Malga Cate, una squadra del Soccorso alpino dell'Alpago si è subito diretta in Val Salatis per poi salire il sentiero da lì. Una volta arrivati alla Casera a Pian del e Stele hanno visto fumo uscire dal camino ed hanno trovato  i due escursionisti. Per evitare il temporale i due erano scesi e si erano riparati per la notte, senza purtroppo poter avvertire nessuno per l'assenza di copertura telefonica. L'allarme è quindi rientrato.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 22 Luglio 2019 13:02

RICERCHE NELLA NOTTE, CESSATI DUE ALLARMI

Cortina d'Ampezzo (BL), 21 - 07 - 19
Questa notte attorno alle 4.30 è scattato l'allarme per il mancato rientro di un uomo di Auronzo di Cadore, dopo il concerto tenutosi al Rifugio Scoiattoli. Terminata l'esibizione, mentre il resto della sua compagnia era riuscito a scendere prima della chiusura degli impianti, lui si era attardato e, via cellulare, aveva comunicato agli amici che li avrebbe raggiunti a piedi. Dopo averlo atteso invano - non rispondeva più al cellulare - il gruppo preoccupato è salito lungo il sentiero e ridisceso, per poi chiedere aiuto. Soccorso alpino di Cortina, Sagf e Vigili del fuoco si sono quindi mossi per avviare le ricerche. E così, saliti al Rifugio Scoiattoli in jeep, dopo non essere riusciti a contattare subito il gestore, hanno rinvenuto l'uomo che dormiva all'esterno su una panca e lo hanno riaccompagnato a valle.
Sempre nella notte è partita invece una seconda ricerca, dopo la segnalazione ai carabinieri da parte di una donna di Merano (BZ), che non riusciva a parlare con il marito quarantaseienne, partito assieme al figlio di 6 anni con l'intenzione di fare un'escursione sulle Tre Cime o sul Paterno. Dopo aver cercato senza risultato la macchina nei parcheggi delle località indicate, analizzando la triangolazione delle celle, è stata evidenziata un'area tra Ospitale e Tornichè a Cortina d'Ampezzo, ma la verifica ha dato esito negativo. Sono stati quindi vagliati i filmati di alcune telecamere ed è stato registrato il passaggio dell'auto in direzione del Passo Falzarego. Il gestore del Rifugio Col Gallina ha fatto un giro nelle aree di sosta della zona e ha visto la macchina parcheggiata sotto il Lagazuoi. Quando una squadra del Sagf si e portata sul posto, alle 10.30 circa, padre e figlio, che stavano bene e non avevano problemi, sono stati rintracciati e l'allarme è cessato.
Pubblicato in 2019
Giovedì, 18 Luglio 2019 14:44

SCARICA DI SASSI, ALLARME SUL LAGAZUOI

Cortina d'Ampezzo (BL), 18 - 07 - 19
Attorno alle 12.30 alcune persone che si trovavano sul Sass de Stria hanno contattato il 118 poiché, di fronte a loro, avevano assistito a una scarica di sassi nella zona ovest del Lagazuoi e sentito della grida provenire dalla parete. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, subito decollato, ha effettuato una lunga ricognizione, senza avere riscontri. Anche una pattuglia dei carabinieri, che si trovava alle Cinque Torri e si è portata sul Passo Valparola, per un'ulteriore verifica, non ha constatato emergenze in atto. Pronti a intervenire il Soccorso alpino e il Sagf di Cortina.
Pubblicato in 2019
Giovedì, 18 Luglio 2019 14:21

ALLARME RIENTRATO PER VELA PRECIPITATA

Borso del Grappa (TV), 16 - 07 - 19
Poco prima delle 16 la Centrale del 118 e stata allertata da alcune persone che avevano visto precipitare una vela sopra Borso del Grappa. L'elicottero di Treviso emergenza, subito decollato, ha effettuato un sorvolo del punto indicato senza rinvenire alcuna traccia. Poco dopo è arrivata la notizia che il pilota era stato visto recuperare la propria vela e l'allarme è quindi rientrato.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 15 Luglio 2019 10:20

TRAUMA ALLA CAVIGLIA

Colle Santa Lucia (BL), 11 - 07 - 19
Attorno alle 14.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sul Passo Giau, lungo la strada bianca che dal Rifugio Averau scende al Rifugio Fedare, dove un'escursionista che tornava a valle con il marito, messo male il piede, si era procurata un possibile trauma alla caviglia. Dopo che medico, infermiere e tecnico di elisoccorso le hanno prestato le prime cure, l'infortunata è stata recuperata con un verricello di una decina di metri e trasportata all'ospedale di Agordo. 
È invece cessato subito l'allarme per un mancato rientro nella zona di Malga Ciapela, a Rocca Pietore. Pur essendo bloccato il sentiero verso il Falier, un escursionista aveva proseguito lo stesso, facendo impensierire i familiari che lo stavano aspettando. Fortunatamente, prima che le squadre del Soccorso alpino della Val Pettorina si mettessero in movimento, con l'eventuale sorvolo della zona da parte dell'eluambulanza, l'uomo è arrivato. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 08 Luglio 2019 14:48

RITROVATO ESCURSIONISTA SCOMPARSO

Perarolo di Cadore (BL), 07 - 07 - 19
È stato ritrovato e sta bene, Luigi Salvatore, l'escursionista per il cui mancato rientro sono partite oggi le ricerche in Cadore. Dalle prime informazioni, sbagliata strada, si è ritrovato ad Ansogne, nella zona industriale di Perarolo, da dove è riuscito a mandare un messaggio ai familiari avvertendoli. Le squadre stanno quindi rientrando.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 08 Luglio 2019 13:37

ALLARME RIENTRATO ESCURSIONISTA DISPERSO

Asiago (VI), 05 - 07 - 19

Passate le 18 il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato per un escursionista padovano che non dava più notizie di sé. Al rientro da una passeggiata con la moglie, un paio di tornanti sotto Forte Interrotto, dal momento che era stanca, il marito le aveva detto di aspettarlo ferma lì che lui sarebbe sceso fino alla macchina, parcheggiata 500 metri più in basso, per poi tornare a prenderla. Ma l'uomo non si era più presentato. Scattato l'allarme, una ventina di persone - Soccorso alpino di Asiago e Arsiero, Carabinieri forestali di Asiago e Roana, carabinieri di Asiago e Canove - aveva iniziato a cercarlo nei dintorni, mentre il figlio della coppia raggiungeva la madre con le chiavi dell'auto in cui era rimasto il cellulare del padre. Fortunatamente, un paio di ore dopo, l'uomo ha chiamato al suo stesso telefonino. Scendendo lungo la strada aveva infatti preso un sentiero alternativo e si era perso arrivando a Campo Rovere, da dove era riuscito a telefonare. L'allarme è quindi rientrato.
Pubblicato in 2019
Venerdì, 05 Luglio 2019 15:29

LO CERCANO SUL PASUBIO, CICLISTA ERA A CASA

Valli del Pasubio (VI), 30 - 06 - 19
Ieri alle 22.45 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato per il mancato rientro di un ciclista di 67 anni dal Pasubio. Partiti con le bici elettriche da Raossi (TN), 4 turisti tedeschi erano saliti al Rifugio Papa e, malgrado sia vietato, avevano iniziato la discesa dalla Strada delle Gallerie portando le bici a piedi. Poichè con le scarpette il percorso era difficoltoso, all'altezza del Passo di Val Fontana d'oro in tre avevano preso la deviazione per la Strada degli Scarubbi, mentre il quarto aveva proseguito, d'accordo che si sarebbero ritrovati a valle. Ma una volta a Bocchetta Campiglia e poi a Passo Xomo, i compagni non lo avevano più trovato. Erano quindi rientrati a Raossi pensando fosse tornato alla macchina. Accertato che non era nemmeno lì, in auto avevano guidato fino a Bocchetta Campiglia e lanciato l'allarme tramite il gestore del Rifugio Passo Xomo. Sette soccorritori si sono quindi divisi in due squadre: una è partita per risalire la Strada delle Gallerie dal basso, una ha raggiunto in jeep il Rifugio Papa per cominciare la ricerca dall'alto. Fortunatamente, appena arrivati al Papa, i soccorritori sono stati avvisati che l'uomo era stato rintracciato. Avvisate le mogli rimaste in Germania, queste avevano contattato l'affittuario della casa di villeggiatura dove stavano alloggiando i mariti a Tenno (TN) e lui si era recato nella casa di vacanza, dove aveva trovato il ciclista. L'uomo, non trovando più i compagni e non potendoli contattare dato che il suo cellulare era nella macchina, aveva preso un taxi. Le squadre si sono quindi portate al Rifugio Passo Xomo e l'allarme è rientrato.
Pubblicato in 2019
Seren del Grappa (BL), 10 - 02 - 19
Attorno alle 15 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa per un gruppo di 12 ragazzi, con due accompagnatori adulti, che non si era ancora presentato al Rifugio di Cima Grappa. Il gruppo di scout di San Giuseppe di Cassola era partito dal Forcelletto ed era atteso nel primo pomeriggio al rifugio. Quando la macchina dei soccorsi si è messa in moto, i ragazzi sono stati ben presto individuati non distanti dalla loro meta. All'origine dell'allarme un fraintendimento. Il gruppo era infatti in orario e doveva arrivare al Rifugio, come concordato, alle 15.30, mentre una delle persone che li attendeva aveva capito  un'ora differente. L'allarme è quindi rientrato.
Pubblicato in 2019
Pagina 2 di 4

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.