CNSAS VENETO - Articoli filtrati per data: Ottobre 2019
Giovedì, 31 Ottobre 2019 16:12

SOCCORSI DUE AMICI IN DIFFICOLTÀ

Valle di Cadore (BL), 30 - 10 - 19
Attorno alle 18.30 il Soccorso alpino di Pieve di Cadore è stato allertato dalla Centrale del 118, per due persone in difficoltà sul pendio che da Venas scende al Boite. In contatto telefonico e risaliti alle coordinate, i soccorritori, assieme ai Vigili del fuoco di Pieve di Cadore e volontari di Valle di Cadore, hanno individuato il punto in cui si trovavano i due, che erano rimasti al buio, bloccati sulla ripida scarpata che porta al greto del torrente. Dopo aver attrezzato delle corde fisse sono scesi da M.C.M, 52 anni di Calalzo di Cadore (BL), e F.P., 33 anni, di Garbagnate Milanese (MI), che lamentava anche un dolore alla gamba, e li hanno aiutati a risalire fino alla strada, da dove i due si sono allontanati autonomamente.
Pubblicato in 2019
Giovedì, 31 Ottobre 2019 16:11

UN GRANDE DONO A UN ANNO DA VAIA

Belluno, 30 - 10 - 19
A un anno di distanza dalla tempesta di vento e pioggia che travolse la provincia, il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi ha ricevuto un grande dono, grazie al gesto di solidarietà della ditta Carpano. Dopo il passaggio di Vaia, con i soccorritori impegnati a portare aiuto alla popolazione in difficoltà, i promotori dell'iniziativa si dissero che ognuno poteva e doveva fare qualcosa: "Conosciamo e rispettiamo la nostra terra e la nostra gente duramente colpita dall'alluvione di fine ottobre, per questo abbiamo deciso di dare il nostro contributo ad una associazione sempre presente sul territorio nel momento del bisogno". Fino al 31 marzo 2019, la ditta Carpano - che ha uno dei propri stabilimenti a Falcade, la Carpano Speck, e dal 1952 produce salumi, carne, yogurt, latticini - ha quindi destinato il 3 per cento di tutti i propri ricavati nella provincia di Belluno a sostegno del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi. Nei giorni scorsi a Moena, sede della Carpanolat, è avvenuta la consegna del contributo di 7.900 euro da parte di uno dei titolari, Alessandro Carpano, e del suo collaboratore Davide Fontanive, promotore assieme alla ditta di questo atto generoso che consentirà al nostro sodalizio l'acquisto di materiale tecnico e attrezzature. Presenti a nome dell'intera associazione il delegato del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi, Alex Barattin, e alcuni rappresentanti delle Stazioni dell'area Agordina. Da tutti i soccorritori un profondo ringraziamento alla ditta Carpano.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:58

CADE CON LA MOUNTAIN BIKE

Galzignano Terme (PD), 27 - 10 - 19
Alle 17.40 il Soccorso alpino di Padova è stato allertato per un ciclista caduto con la propria mountain bike quasi alla fine del percorso Blu line, il tracciato di downhill che dalla cima del Monte Gallo porta a Galzignano. A dare l'allarme, fornendo anche le coordinate del posto tramite Whatsapp, l'amico di R.G., 54 anni, di Monselice (PD), che si trovava con lui al momento dell'incidente. Una decina di soccorritori, tra i quali due sanitari, hanno raggiunto l'infortunato, che aveva riportato la sospetta frattura di una gamba e di un polso, e gli hanno prestato le prime cure. Dopo averlo immobilizzato, lo hanno caricato in barella e trasportato per una ventina di minuti, assicurandolo con le corde nei tratti più ripidi. Una volta sulla strada, lo hanno affidato all'ambulanza diretta all'ospedale di Schiavonia.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:57

SCIVOLA IN UNA SCARPATA

Fregona (TV), 27 - 10 - 19
Attorno alle 18 una squadra del Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane è intervenuta in Borgo Sonego, dove una donna era scivolata per qualche metro in una scarpata tra le abitazioni, lungo la strada che porta alle Grotte del Caglieron. I soccorritori hanno affiancato il personale dell'ambulanza nel caricare in barella R.D.T. 75 anni, di Fregona (TV), che lamentava dolori a una gamba, per poi sollevarla sulla strada. La donna è stata poi accompagnata all'ospedale di Vittorio Veneto per verificare le sue condizioni. Una seconda squadra era pronta in supporto alle operazioni.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:56

SCIVOLA E SBATTE LA TESTA

Val di Zoldo (BL), 27 - 10 - 19
Alle 15.15 circa il Soccorso alpino della Val di Zoldo è stato allertato dalla Centrale del 118, per intervenire in supporto all'ambulanza in aiuto di un uomo che, scivolato sulle foglie, era ruzzolato per una trentina di metri, riportando escoriazioni su gambe e braccia e un sospetto trauma cranico. L'uomo stava scendendo in auto con la moglie da Cibiana di Cadore verzo Val di Zoldo, quando, fermatosi per fare una passeggiata con il cane lungo una carrareccia laterale sopra Ciamber, era caduto in un punto ripido. Raggiunto da una squadra e dal personale dell'ambulanza dopo essere stato geolocalizzato, M.B., 55 anni, di Bari, è stato medicato, caricato in barella e trasportato per 200 metri fino al mezzo, partito poi in direzione dell'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:54

INFORTUNIO NELLA PALESTRA DI ROCCIA

Grezzana (VR), 27 - 10 - 19
Passate le 15 la Centrale del 118 è stata allertata per una freeclimber che si era fatta male nella palestra di roccia di Alcenago. Prima di cordata, M.S., 32 anni, di Marostica (VI),  era scivolata sbattendo un piede sulla roccia e riportando un sospetto trauma alla caviglia. I compagni l'avevano aiutata a calarsi fino alla base della parete. Sbarcato nelle vicinanze dall'elicottero di Verona emergenza con un verricello di 30 metri, il tecnico di elisoccorso ha recuperato la donna con la stessa modalità. Una volta a bordo, l'infortunata è stata trasportata a Borgo Trento. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:52

DUE INTERVENTI SULLE MONTAGNE BELLUNESI

Belluno, 27 - 10 - 19
Questa mattina passate le 10 la Centrale del 118 è stata allertata per un'escursionista che, colta da malore, era caduta a terra riportando una ferita alla testa, mentre con altre tre persone percorreva il sentiero numero 24 sul Settsass, nel comune di Livinallongo del Col di Lana. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, atterrato nelle vicinanze, ha sbarcato equipe medica e tecnico di elisoccorso, che hanno raggiunto L.A., 42 anni, di Padova, che nel frattempo si era ripresa. Dopo essere stata imbarcata, la donna è stata trasportata all'ospedale di Belluno per le valutazioni del caso. Alle 12.20 è poi scattato l'allarme a seguito della segnalazione di alcune persone, che dal Rifugio Settimo Alpini avevano sentito delle grida di aiuto provenire dalla zona di Forcella Pis Pilon. Una volta sul posto, l'eliambulanza ha presto individuato un uomo, che, persa la traccia del sentiero numero 505, aveva iniziato a salire, fino a bloccarsi in un ripido tratto tra le rocce. Recuperato dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 20 metri, V.N., 26 anni, di Belluno, è stato portato a valle. Pronto a intervenire il Soccorso alpino di Belluno.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:51

SOCCORSI DUE ATLETI DELLA STRAFEXPEDITION

Tonezza del Cimone (VI), 27 - 10 - 19
Questa mattina alle 9.30 il Soccorso alpino di Arsiero è stato allertato per due concorrenti della Strafexpedition che si erano infortunati scendendo dal Monte Spitz. Sei soccorritori, tra i quali un medico, hanno raggiunto F.L., 26 anni, di Piovene Rocchette (VI), che, messo male un piede, aveva riportato un probabile trauma alla caviglia. Immobilizzato e imbarellato, il ragazzo è stato trasportato a piedi per mezz'ora fino all'ambulanza, dove un altro soccorritore aveva accompagnato M.G., 41 anni, di Ferrara che, caduto, si era procurato la probabile frattura di un dito. Entrambi gli atleti sono stati portati all'ospedale di Santorso.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:49

RECUPERATA COPPIA IN DIFFICOLTÀ

Malcesine (VR), 26 - 10 - 19
Attorno alle 18.15 la Centrale del 118 di Verona è stata allertata per una coppia di escursionisti israeliani in difficoltà in discesa dall'Altissimo. I due, che stavano percorrendo il sentiero numero 8, non erano più in grado di proseguire per la stanchezza. Individuati dall'elicottero di Trento, gli escursionisti sono stati recuperati con il verricello e trasportato alla piazzola di Malcesine. Pronto a intervenire il Soccorso alpino di Verona. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:41

BLOCCATO TRA LE PIANTE CON LA BICI

Vigo di Cadore (BL), 26 - 10 - 19
Alle 17.50 circa il 118 è stato allertato da un ciclista bloccato dagli schianti lungo il sentiero numero 328, non distante da Tabià Pramosei a Laggio di Cadore. L'uomo, A.G., 66 anni, di Padova, sceso per 400 metri di dislivello con la propria mountain bike, aveva incontrato alcune piante abbattute. Aveva cercato di andare avanti, fino a non riuscire più ad avanzare. Individuato dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, l'uomo è stato recuperato con un verricello e trasportato a valle.
Pubblicato in 2019
Pagina 1 di 6

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.