Lunedì, 30 Settembre 2019 09:27

SCIVOLA SUL SENTIERO

Cortina d'Ampezzo (BL), 29 - 09 - 19
Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino di Cortina e stato allertato per una escursionista scivolata nella zona di Ponte Outo, in prossimità delle Cascate di Fanes. Una squadra del Sagf ha raggiunto l'infortunata, 34 anni, di Potenza, che aveva riportato una probabile trauma alla caviglia, e la ha trasportata a valle alla sua auto. 
Pubblicato in 2019
Sabato, 21 Settembre 2019 09:18

SCIVOLA SUL SENTIERO

Schio (VI), 20 - 09 - 19
Alle 16.20 circa il Soccorso alpino di Schio è stato allertato dalla Centrale operativa per un escursionista infortunatosi sul Monte Enna. L'uomo, che da solo si era incamminato verso alcune trincee, era scivolato e ruzzolato per cinque metri sbattendo su un fianco. Quattro soccorritori si sono avvicinati in fuoristrada per poi proseguire a piedi 300 metri. Dopo avere raggiunto il settantenne di Schio (VI) sul sentiero, la squadra lo ha stabilizzato a seguito della botta presa e accompagnato fino alla jeep, per poi trasportarlo all'ospedale di Santorso.  
Pubblicato in 2019
Auronzo di Cadore (BL), 16 - 09 - 19
Attorno alle 13.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato alle Tre Cime di Lavaredo, per un escursionista ruzzolato una decina di metri tra le rocce. L'uomo, un turista danese settantenne che si trovava con la moglie, era scivolato dal sentiero numero 105 che da Col di Mezzo porta al Rifugio Auronzo. Sbarcato con un verricello di 15 metri assieme al tecnico di elisoccorso, al medico dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore non è rimasto purtroppo che constatare il decesso dell'uomo dovuto ai traumi riportati nella caduta. Ottenuto il nulla osta dalla magistratura per la rimozione, la salma ricomposta e imbarellata è stata recuperata con un verricello e trasportata al Rifugio Auronzo dove è stata affidata al Soccorso alpino della Guardia di finanza. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 16 Settembre 2019 15:20

SOCCORSO CERCATORE DI FUNGHI

Valle di Cadore (BL), 16 - 09 - 19
Attorno alle 12.30 il Soccorso alpino di Pieve di Cadore è stato allertato per un cercatore di funghi, che si era fatto male nei boschi sopra la sterrata che dal ponte di Cibiana di Cadore conduce a Vodo di Cadore. P.Z., 63 anni, di Bovolone (PD), che era scivolato sul terreno bagnato sbattendo la schiena e riportando un probabile trauma spinale, pur dolorante era sceso fino sulla strada, dove, grazie alle indicazioni date al cellulare dalla moglie, si è portata una squadra, con il supporto dei soccorritori di San Vito di Cadore e Centro Cadore. Immobilizzato e caricato sulla barella spinale, l'infortunato è stato portato in fuoristrada fino all'ambulanza della Croce bianca, che lo ha poi accompagnato all'ospedale di Pieve. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 16 Settembre 2019 08:47

SCIVOLA SULLA MULATTIERA

Falcade (BL), 14 - 09 - 19
Attorno alle 11 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del Rifugio Flora Alpina, dove un escursionista, che stava percorrendo in discesa la mulattiera con la moglie verso l'abitato di Falcade, era caduto a terra, riportando probabili traumi al bacino e toracico. D.P., 68 anni, di Salzano (VE), è stato raggiunto dall'equipe medica e dal tecnico di elisoccorso sbarcati nelle vicinanze con un verricello di 20 metri. Prestategli le prime cure, l'infortunato è stato imbarellato, issato a bordo con il verricello e trasportato all'ospedale di Feltre.
Pubblicato in 2019
Mercoledì, 11 Settembre 2019 12:26

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 10 - 09 - 19
Attorno alle 14 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo la Ferrata Sci Club 18, dove una escursionista che stava salendo col marito, superato il tratto più impegnativo era rimasta bloccata dalla paura, incapace di proseguire. Recuperata dal tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio con un verricello di 30 metri, M.M., 32 anni, di Sovizzo (VI), è stata trasportata in piazzola a Cortina. Subito dopo l'eliambulanza è volata nella zona dei Ruderi del Popena, ad Auronzo di Cadore, a 2.150 metri di quota. In un tratto del sentiero reso più esposto dall'erosione dell'acqua, dopo il passaggio del compagno di escursione, un sessantenne tedesco era stato preso dal panico. Anche in questo caso, dopo essere stato raggiunto e assicurato, l'escursionista è stato issato a bordo con una verricellata di una decina di metri dal tecnico di elisoccorso, per essere poi sbarcato a Misurina. Contemporaneamente il Soccorso alpino dell'Alpago era stato allertato per un turista francese di 62 anni scivolato lungo il sentiero che dal Sassone della Madonnetta porta a Casera Palantina, nel comune di Tambre. All'uomo, che si trovava con tre connazionali e aveva riportato un probabile trauma alla caviglia, sono state prestate le prime cure dalla squadra sopraggiunta assieme a un infermiere, che gli ha stabilizzato la gamba. L'infortunato è poi stato preso in carica dall'elicottero del Suem che lo ha imbarcato con 20 metri di verricello per trasportarlo all'ospedale di Belluno. I tre compagni di gita sono stati riaccompagnati a valle dai soccorritori.
Pubblicato in 2019
Mercoledì, 11 Settembre 2019 12:21

SCIVOLA NEL BOSCO

Val di Zoldo (BL), 10 - 09 - 19
Alle 16 circa il Soccorso alpino della Val di Zoldo è stato allertato dal 118 per un incidente non distante dall'abitato di Iral. Camminando nel bosco poco fuori dal sentiero, lontana un chilometro dalle case, una sessantunenne di Val di Zoldo (BL), aveva messo male il piede tra due radici riportando un probabile trauma alla caviglia. Raggiunta da cinque soccorritori, alla donna è stata immobilizzata la gamba. Dopo essere stata caricata in barella, l'infortunata è stata trasportata fino alla strada, per essere affidata all'ambulanza diretta all'ospedale di Agordo.
 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Settembre 2019 10:28

SCIVOLA SUL SENTIERO

Sedico (BL), 07 - 09 - 19
Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato per un'escursionista che si era fatta male scendendo dalla Chiesetta di San Giorgio, all'altezza del bivio per la Pala Alta, sopra Pian dei Castaldi. Mettendo un piede su un sasso, infatti, questo si era spostato facendole perdere l'equilibrio e cadere. Una volta in piedi, M.S., 47 anni, di Belluno, si era accorta di aver riportato un probabile trauma alla caviglia. Una squadra si è avvicinata in jeep, per poi proseguire a piedi una mezz'ora. Una volta raggiunta, i soccorritori hanno stabilizzato la gamba dell'infortunata e la hanno caricata in barella per trasportarla fino al fuoristrada e da lì direttamente all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2019
Montecchia di Crosara (VR), 02 - 09 - 19
Ieri sera alle 23.10 circa la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Verona per due persone scivolate una quarantina di metri in una scarpata a Roncà. Al rientro dalla festa di compleanno di uno di loro in un agriturismo del posto, due fratelli, di 31 e 29 anni, di Arzignano (VI), hanno bucato una gomma della macchina. Sono scesi e si sono incamminati lungo la piccola strada in collina, finché uno è scivolato sul ciglio per alcuni metri, cadendo da un salto di una decina e ruzzolando per altri venti. Il fratello, per andare in suo aiuto, è a sua volta caduto lungo la stessa verticale. Gli amici, che li seguivano e avevano assistito alla scena, hanno subito lanciato l'allarme. Due soccorritori della Stazione speleo, arrivati prima da località vicine, si sono subito calati per verificare la situazione. Fortunatamente il tappeto di terra smossa e foglie secche nel punto dove erano caduti i ragazzi ne aveva attutito l'urto: uno aveva riportato una ferita sulla testa e lamentava dolori a un piede, l'altro non manifestava apparentemente alcuna conseguenza. Non appena sono arrivati altri 4 soccorritori, è sceso anche l'infermiere del Soccorso alpino che ha preso tutti i parametri dei due, riferendoli al medico della prima ambulanza sopraggiuta nel frattempo. È stato quindi deciso di procedere con il recupero dell'infortunato, stabilizzato, imbarellato, sollevato verso l'alto con un paranco e affidato all'ambulanza partita per Borgo Trento. È stata poi la volta del fratello, riportato sulla strada con le stesse manovre e trasferito sulla seconda ambulanza alle 3.10. L'intervento si è svolto in collaborazione con i Vigili del fuoco. Sul posto anche i Carabinieri di San Bonifacio.
Pubblicato in 2019
Venerdì, 30 Agosto 2019 18:06

SOCCORSA ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Quero - Vas (BL), 30 - 08 - 19
Passate da poco le 10.30 il Soccorso alpino di Feltre è stato allertato per un'escursionista in difficoltà sulla Strada degli eroi. La giovane, 22 anni, di Venezia, era partita ieri da Caupo per arrivare lungo una strada forestale a Malga Paoda dove aveva dormito. Questa mattina, con lo zaino estremamente carico - tenda saccoapelo, fornelletto - sulle spalle, era partita con l'intenzione di percorrere la Cengia di Prada, ma anziché intraprendere l'itinerario corretto, aveva seguito una traccia di cacciatori più alta. Dopo più di un'ora di cammino era scivolata e finita un paio di metri sotto il sentiero. Fortunatamente non aveva riportato alcuna conseguenza, poiché con il carico pesante temeva però di poter peggiorare la situazione e cadere sul ripido pendio, era rimasta ferma e aveva chiesto aiuto. Una squadra è partita da Feltre con un piccolo fuoristrada e in un'ora e mezza ha raggiunto la malga. Da lì i due soccorritori si sono separati per perlustrare i due possibili percorsi e dopo venti minuti a piedi la hanno individuata e aiutata a tornare sul sentiero. Da lì la hanno riaccompagnata alla Malga e di seguito alla stazione. 
Pubblicato in 2019
Pagina 2 di 16

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.