Martedì, 21 Gennaio 2020 15:52

TROVATO SENZA VITA GIOVANE ESCURSIONISTA

Santo Stefano di Cadore (BL), 21 - 01 - 20
Ieri sera attorno alle 21 il Soccorso alpino della Val Comelico è stato allertato per due ragazzi che, partiti da Santo Stefano di Cadore in direzione del Monte Col con l'intenzione di rientrare da Campolongo, lungo il sentiero numero 331, erano rimasti senza pile e al freddo. Una prima squadra di quattro soccorritori, compresi due del Soccorso alpino della Guardia di finanza di Auronzo, è partita per andare a recuperarli, senza  però incrociarli. Capendo che qualcosa non andava, una seconda squadra si è subito mossa, finché uno dei due giovani è riuscito a rientrare da solo. Sotto shock ha raccontato che aveva visto l'amico scivolare sul ghiaccio e scomparire in un canale. Lo aveva chiamato invano e, cercando di avanzare, poco dopo anche lui era ruzzolato a valle in mezzo a un bosco, dove era riuscito poi a imboccare una strada forestale e a tornare all'abitato. Poco prima delle 22,  la prima squadra, da un paio di occhiali rinvenuti sulla neve, ha intuito il punto dove l'amico era caduto e ha raggiunto dall'alto il corpo senza vita del giovane, mentre la seconda squadra si avvicinava dal basso. Il ragazzo, G.C., 18 anni, di Santo Stefano di Cadore (BL), era ruzzolato per diverse centinaia di metri riportando traumi fatali. Vicino a lui, privo di vita, il suo cane. La salma è stata imbarellata e calata sul sentiero sottostante, per poi essere trasportata a spalla dai soccorritori per oltre un chilometro fino alla Baita Pian dei Osei, in Val Frison ed essere affidata al carro funebre.
 
Pubblicato in 2020
Martedì, 14 Gennaio 2020 09:47

SCIVOLA SUL SENTIERO

Bassano del Grappa (VI), 12 - 01 - 20
Attorrno alle 11 il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato per un'escursionista, infortunatasi mentre con un'amica percorreva un sentiero nei boschi del monte Castellano, in prossimità di Contrà San Giorgio. Una squadra, compreso un infermiere, ha raggiunto L.C., 60 anni, di Cartigliano (VI), prestandole le prime cure per una probabile frattura al femore. Dopo aver ripulito la vegetazione attorno, l'infortunata è stata recuperata dall'elicottero di Treviso emergenza utilizzando un verricello di 15 metri ed è stata trasportata all'ospedale di Bassano. 
Pubblicato in 2020
Martedì, 14 Gennaio 2020 09:45

SCIALPINISTA SCIVOLA 300 METRI IN UN CANALE

Badia (BZ), 11 - 01 - 20
Attorno alle 16 la centrale operativa di Bolzano ha richiesto l'intervento dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore per uno scialpinista scivolato per 300 metri in un canalone sulle Conturines, nella zona di San Cassiano. L'uomo, che si trovava con altre due persone, si stava calando quando è avvenuto l'incidente, sopra il Rifugio Capanna Alpina. Avvistato dall'equipaggio, l'infortunato è stato raggiunto da un tecnico di elisoccorso e da un altro soccorritore, sbarcati con un verricello di 25 metri assieme al medico. Prestate le prime cure, lo sciatore è stato imbarellato e recuperato con un possibile grave politrauma, per essere trasportato all'ospedale di Brunico.
Pubblicato in 2020
Venerdì, 10 Gennaio 2020 12:34

SCIVOLA SUL GHIACCIO

Tonezza del Cimone (VI), 10 - 01 - 20
Alle 10.30 circa la Centrale del 118 di Vicenza ha allertato il Soccorso alpino di Arsiero per un escursionista infortunatosi sotto la cima del Monte Spitz. R.C., 49 anni, di Lavis (TN), che stava scendendo lungo il sentiero verso il Passo della Vena in compagnia di due amici, era scivolato in un tratto ghiacciato, riportando la probabile frattura di una caviglia. Una squadra di sei soccorritori, tra i quali un medico, lo ha raggiunto e, dopo avergli prestato le prime cure, una volta immobilizzata la gamba lo ha caricato in barella per trasportarlo fino alla strada, da dove l'uomo si è allontanato autonomamente.
Pubblicato in 2020
Venerdì, 10 Gennaio 2020 11:25

SCIVOLA SUL SENTIERO

Caltrano (VI), 08 - 01 - 20
Attorno alle 13 la Centrale del 118 di Vicenza ha allertato il Soccorso alpino di Arsiero per un escursionista scivolato e ruzzolato una trentina di metri, mentre con alcuni amici stava percorrendo il sentiero numero 677 che porta a Malga Sunio, sul Monte Foraoro. Una decina di soccorritori si è portata in fuoristrada in un punto adatto all'imbarco, se necessario supporto all'eliambulanza di Treviso emergenza in avvicinamento. L'elicottero ha individuato grazie alle coordinate il luogo dell'incidente, a mille metri di quota, e ha sbarcato con un verricello di 40 metri medico e tecnico di elisoccorso, che hanno prestato le prime cure a F.C., 79 anni, di Vicenza, che aveva riportato probabili traumi alla testa e alla schiena. Imbarellato, l'infortunato è stato imbarcato, sempre utilizzando il verricello, e trasportato all'ospedale di Vicenza.
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:36

SCIVOLA SULLA STRADA

Recoaro Terme (VI), 06 - 01 - 20
Passate da poco le 15 la Centrale del 118 di Vicenza ha allertato il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno per un'escursionista scivolata mentre stava scendendo lungo la strada bianca che fiancheggia le piste di Montefalcone a Recoaro Mille. La donna, una sessantenne di Valdagno (VI), che aveva riportato una sospetta frattura alla gamba, è stata raggiunta da una squadra in jeep. Dopo averla stabilizzata, i soccorritori la hanno caricata a bordo e trasportata per un chilometro fino alla partenza degli impianti per il rendez vous con l'ambulanza, diretta all'ospedale di Valdagno.
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:32

SCIVOLA NEL BOSCO

Vodo di Cadore (BL), 06 - 01 - 20
Alle 12.30 circa la Centrale del 118 è stata allertata per un'escursionista scivolata nei pressi del Rifugio Talamini. Raggiunta dal gestore del Rifugio in motoslitta e accompagnata fino alla struttura, la donna, N.F., 58 anni, di Venezia, che aveva riportato un probabile trauma al polso, è stata imbarcata sull'elicottero del Suem di Pieve di Cadore atterrato in piazzola e trasportata all'ospedale di Belluno.
 
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:30

SCIVOLA E SI INFORTUNA

Belluno, 05 - 01 - 20
Alle 11.30 circa la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Belluno per un'escursionista infortunatasi lungo la strada forestale che dalle Faverghere porta a Malga Toront. Una squadra, compresa l'infermiera di Stazione, si è avvicinata in jeep e ha raggiunto M.B., 45 anni, di Padova, che era scivolata riportando la probabile frattura di una caviglia, mentre si trovava con altre persone. Immobilizzatole l'arto, i soccorritori la hanno imbarellata per poi trasportarla fino all'ambulanza diretta all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:27

SCIVOLA SUL GHIACCIO

Rotzo (VI), 03 - 01 - 20
Alle 13.15 circa il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato dalla Centrale del 118 per un escursionista scivolato su un tratto ghiacciato, mentre assieme alla compagna percorreva il sentiero che da Campolongo porta all'omonimo Forte. L'uomo, D.C., 58 anni di Vicenza, che aveva sbattuto la testa, è stato subito raggiunto da un soccorritore casualmente sul posto, in attesa dell'arrivo di una squadra, e dal personale sanitario dell'ambulanza accompagnato in motoslitta dal gestore del Rifugio Campolongo. L'infortunato, che aveva riportato un probabile trauma cranico, è stato trasportato all'ospedale di Asiago.
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:13

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Calalzo di Cadore (BL), 01 - 01 - 20
Verso le 11 una squadra del Soccorso alpino di Pieve di Cadore è intervenuta lungo il sentiero numero 261, che da Calazo di Cadore porta al Rifugio Chiggiato, dove in località La Stua un escursionista era scivolato sbattendo la spalla e il volto. I soccorritori si sono avvicinati prima in jeep e poi con il quad. Una volta dall'uomo, un cinquantacinquenne che si trovava con la compagna, lo hanno imbarcato e trasportato all'ospedale di Pieve. Attorno alle 13 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in direzione del sentiero 251 per due persone in difficoltà. Rientrando dal Rifugio Antelao dove avevano pernottato alcuni escursionisti si sono trovati di fonte una tratto franoso e scivoloso. Mentre gli amici sono riusciti a passare, un ragazzo, F.B., di Venezia, e una ragazza, E.F., di Mira (VE), entrambi ventiseienni, non se la sono sentita temendo di mettersi in pericolo. Recuperati dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 25 metri, sono stati portati a valle.
 
Pubblicato in 2020
Pagina 1 di 18

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.