Venerdì, 22 Marzo 2019 09:58

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 17 - 02 - 19
Attorno alle 15.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Val Cristallino, ad Auronzo di Cadore, per uno scialpinista che era caduto e non riusciva più a proseguire la discesa per il forte dolore a una spalla. Sbarcati in hovering nelle vicinanze, medico, infermiere e tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio hanno prestato le prime cure a A.R., 60 anni, di Treviso, che si trovava con un gruppo di 8 persone. Caricato a bordo con un verricello di 15 metri, l'uomo è stato accompagnato all'ospedale di Belluno. Successivamente l'eliambulanza è volata in Val di Zoldo, dove uno sciatore era finito una quindicina di metri fuori pista a Palafavera, sbattendo sulle piante. L'infortunato, che aveva riportato un possibile trauma alla colonna e diverse contusioni, è stato medicato e recuperato con il verricello per essere trasportato al San Martino. 
Pubblicato in 2019
Mercoledì, 06 Febbraio 2019 10:54

VALANGA INVESTE SCIATORI IN FUORIPISTA

Livinallongo del Col di Lana (BL), 02 - 02 - 19
Poco prima delle 15 il Soccorso alpino di Livinallongo è stato allertato per una valanga che aveva coinvolto 5 persone, delle quali una rimasta sommersa. I cinque, che stavano sciando nella zona del Passo Pordoi, in località Belvedere, erano usciti dalla pista in neve fresca, quando è avvenuto il distacco che ha travolto uno di loro, uno sciatore di Canazei (TN). Gli amici sono riusciti a individuare il punto in cui si trovava - i cinque erano sprovvisti di Artva, pala e sonda - mentre sopraggiungeva il personale dell'assistenza piste e del Soccorso alpino. Per il maltempo l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, decollato non appena è scattato l'allarme, è riuscito ad arrivare solo fino ad Arabba, dove la jeep del Soccorso alpino era pronta per il trasporto a monte di personale medico, unità cinofila e tecnico di elisoccorso. Fortunatamente i soccorritori  - Soccorso piste della Polizia di Stato e dei Carabinieri e Soccorso alpino di Livinallongo e di Canazei - sul posto sono riusciti ad estrarre lo sciatore dalla neve e lui non ha riportato alcuna conseguenza. L'elicottero è quindi rientrato. 
Ricordiamo il persistere in questi giorni dell'elevato pericolo di valanghe e invitiamo alla massima prudenza, sconsigliando vivamente escursioni di qualsiasi tipo, dato anche il rischio di probabili distacchi spontanei che potrebbero interessare vie di comunicazione e aree sciistiche. Risulta di fondamentale importanza la dotazione dei dispositivi di autosoccorso, Artva, pala e sonda, anche per muoversi su itinerari consueti, strade forestali, sentieri. 
Questa mattina il Soccorso alpino di Livinallongo è intervenuto per ripristinare i cavi che azionano il semaforo di segnalazione in caso di valanga a Livinè, a seguito del malfunzionamento causato dalla copiosa nevicata. 
In merito alla valanga caduta sul Passo Pordoi, le dimensioni erano di circa 20 metri di fronte per una trentina di lunghezza. Il giovane travolto è rimasto totalmente sommerso. I quattro compagni, che avevano visto il punto in cui era scomparso, hanno iniziato a scavare con le mani e sono riusciti a individuarlo, dopo avere trovato uno sci, e a liberargli il volto dopo pochi minuti, mentre uno di loro dava l'allarme. Il ragazzo è poi stato estratto dai soccorritori sopraggiunti dalla pista non distante. Non aveva riportato conseguenze, ma in via precauzionale e stato trasportato all'ospedale di Cavalese.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 31 Dicembre 2018 12:42

SCIATORI IN DIFFICOLTÀ IN FUORI PISTA

Livinallongo del Col di Lana (BL), 27 - 12 - 18
Per un eventuale supporto alle operazioni, nel pomeriggio una squadra del Soccorso alpino di Livinallongo è stata inviata dalla Centrale del 118 lungo la pista nera del Burz, dove alcuni sciatori usciti dal tracciato si erano trovati in difficoltà. Una volta sul posto, uno degli sciatori che si era fatto male è stato caricato sul toboga dall'assistenza piste e portato a valle, mentre i compagni, impauriti, sono stati riaccompagnati dal gatto delle nevi degli impianti di risalita.
Pubblicato in 2018
Martedì, 24 Aprile 2018 09:18

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 07 - 04 - 18
Questa mattina attorno alle 8.30 il 118 è stato allertato da alcuni testimoni che avevano visto una persona trascinata dalla corrente del canale Soccher - Cellina. Un vigile del fuoco, assicurato a una corda, è sceso nell'acqua ed è riuscito a bloccare N.L., 58 anni, di Ponte nelle Alpi (BL), poi portata a riva e affidata al personale dell'eliambulanza di Pieve di Cadore che la ha trasportata all'ospedale di Belluno in probabile stato di ipotermia. Allertato il Soccorso alpino di Longarone e Alpago. Subito dopo l'elicottero è volato lungo il sentiero tra Case Bortot e Ponte Mariano, dove era stata segnalata una frana. Il sopralluogo ha dato esito negativo. Verso le 12.20, l'elicottero è stato inviato sul Passo Fedaia, Marmolada, dove una persona aveva assistito all'incidente di uno sciatore che, uscito fuori pista, era caduto sulla strada da un paravalanghe. Prestate le prime cure al ragazzo, M.C., 31 anni, veronese, l'equipe medica e il tecnico di elisoccorso lo hanno imbarcato e trasportato con un sospetto politrauma a Belluno, da dove è poi stato trasferito a Mestre.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 19 Marzo 2018 15:25

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 09 - 03 - 18
Questa mattina attorno alle 11 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo la pista Belvedere ad Arabba, Livinallongo del Col di Lana, per uno sciatore che, caduto, si era procurato la sospetta frattura di un femore. Sbarcati in hovering tecnico di elisoccorso e personale sanitario, l'uomo, M.K., 30 anni, austriaco, è stato medicato, sul posto anche l'assistenza piste della Polizia. Una volta imbarellato, è stato quindi recuperato con un verricello di 20 metri e trasportato all'ospedale di Belluno. Successivamente l'eliambulanza è stata inviata dal 118 in Val Travenanzes, a Cortina d'Ampezzo, per un incidente sulla cascata di ghiaccio Principe Strabogin. Il primo scalatore di una cordata di tre iceclimber era infatti volato per una ventina di metri sul secondo tiro. Dopo averlo calato sulla sosta sottostante, uno degli amici è sceso in corda doppia e ha raggiunto un punto con copertura telefonica per lanciare l'allarme. Arrivati sopra la cascata, il tecnico di elisoccorso è stato sbarcato con un verricello di 15 metri. Assicurato e caricato a bordo, l'infortunato con un probabile trauma toracico è stato accompagnato a Belluno.
Pubblicato in 2018
Venerdì, 16 Febbraio 2018 14:04

GIOVANE SCIATRICE SI PERDE IN FUORIPISTA

Cortina d'Ampezzo (BL), 13 - 02 - 18
Poco prima delle 17 il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato per una giovane sciatrice che si era persa nella zona di Ru Merlo, in Tofana. La ragazza, una tredicenne della Repubblica Dominicana che stava sciando con la madre, era scesa da sola lungo il fuoripista della Pala dei Manzi, ma, sbagliata direzione, si era ritrovata bloccata in un ripido canalino. Contattata telefonicamente dai soccorritori, ha spiegato loro il tragitto seguito e una squadra, più 2 agenti della Polizia di turno sulle piste e 2 persone della Società impianti Ista, la ha presto individuata e raggiunta. La giovane è stata quindi assicurata e calata con la corda per una cinquantina di metri fino alla base del canale per poi essere riaccompagnata dalla madre.
Pubblicato in 2018
Venerdì, 16 Febbraio 2018 13:52

DUE INTERVENTI IN FUORI PISTA

Belluno, 10 - 02 - 18
Passate le 10.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il tratto fuori pista Sci club 18, in Faloria, per uno sciatore che si era fatto male al ginocchio. Recuperato con un verricello, l'uomo, A.B., 55 anni, di Padova, è stato trasportato al pronto soccorso del Codivilla. Successivamente l'eliambulanza è volata sul Col Margherita, sempre per un infortunio con gli sci fuori dalle piste. In questo caso lo sciatore si è procurato un sospetto trauma all'anca. Sbarcati con verricello di una decina di metri, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso hanno prestato le prime cure all'uomo. Imbarellato, G.S., 38 anni, e stato recuperato sempre con un verricello e accompagnato all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2018
Martedì, 16 Gennaio 2018 16:48

IN FUORIPISTA, SI PERDE NELLA NEBBIA

Cortina d'Ampezzo (BL), 14 - 01 - 18
Attorno alle 13.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Cortina per uno sciatore in difficoltà. Uscito in neve fresca all'altezza della seggiovia del Bus di Tofana per un tratto in fuori pista nel Valon de Raola, un trentenne tedesco era infatti finito in un banco di nebbia fitta, incapace di trovare l'orientamento e proseguire. Individuate le coordinate Gps del punto in cui si trovava, una squadra è scesa dall'alto, mentre una risaliva dal basso, finché i soccorritori non hanno rintracciato e raggiunto lo sciatore, che hanno quindi riaccompagnato in pista.
Pubblicato in 2018

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.