Valli del Pasubio (VI), 27 - 01 - 20
Sono ripartite questa mattina alle prime luci le ricerche del quarantaduenne di Montecchio Maggiore (VI), di cui non si sa più nulla da quando sabato ha parcheggiato la sua auto al Rifugio Balasso per una camminata sul Pasubio. Ieri sera i tre cani molecolari del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, che hanno lavorato in sequenza, hanno individuato una traccia dalla macchina dell'uomo e oggi parte della ricerca si è concentrata nella zona dell'Ossario, mentre altre squadre sono tornate a battere i sentieri alti. L'elicottero di Verona emergenza ha trasportato sulla parte sommitale del Pasubio i soccorritori, che stanno scendendo lungo i canali non visionati ieri. Alcune squadre sono invece state elitrasportate sul Monte Cornetto e stanno percorrendo gli itinerari che conducono al Ponte tibetano e altri canali. In tutta l'area non c'è copertura telefonica e l'attività del cellulare dell'uomo, che non è raggiungibile, non ha dato alcun esito utile per una eventuale geolocalizzazione.
Al momento sono presenti una cinquantina di persone appartenenti al Soccorso alpino di Schio - che coordina le ricerche - Verona, Padova, Arsiero e Recoaro-Valdagno, alla Protezione civile di Schio e Valdagno, ai Vigili del fuoco, all'Associazione nazionale dei Carabinieri.
Pubblicato in 2020
Giovedì, 30 Gennaio 2020 13:58

RIENTRATE LE SQUADRE DAL PASUBIO

Valli del Pasubio (VI), 26 - 01 - 20
Sono rientrate illuminate dalle frontali le tre squadre del Soccorso alpino di Schio salite lungo le principali vie di accesso al Rifugio Papa e alla parte sommitale del Pasubio, dove si sta cercando un escursionista di 42 anni di Montecchio Maggiore (VI), non rientrato ieri da una camminata. I soccorritori hanno verificato alcune tracce in cresta per poi scendere da tre canali innevati che danno sulla Val Canale. Adesso, dopo aver prelevato campioni di odore sia dall'abitazione che dalla macchina dell'uomo parcheggiata al Rifugio Balasso, stanno operando tre unità cinofile molecolari del Soccorso alpino. Se nulla di nuovo dovesse emergere entro le prossime ore, alle prime luci domattina il Soccorso alpino ripartirà nelle perlustrazioni, ricontrollando i sentieri verso il Rifugio Papa e seguendo le eventuali indicazioni date dai cani e dai loro conduttori.
Pubblicato in 2020
Giovedì, 30 Gennaio 2020 13:57

RICERCA IN CORSO SUL PASUBIO

Valli del Pasubio (VI), 26 - 01 - 20
Alle 13 circa il Soccorso alpino di Schio e stato attivato dalla Prefettura, per partecipare alla ricerca di un escursionista di 42 anni di Montecchio Maggiore (VI), partito ieri per una camminata sul Pasubio, la cui auto è parcheggiata al Rifugio Balasso. Le squadre hanno al momento percorso il sentiero della Val Canale e il sentiero che da Malga Fieno sale alla Galleria d'Havet per diventare Strada degli eroi. Dopo essersi ricongiunti al Rifugio Papa, i soccorritori stanno rientrando a valle lungo i canali innevati. Si sta attendendo l'intervento delle unità cinofile molecolari del Soccorso alpino, che hanno effettuato un primo prelievo di oggetti personali a casa dell'uomo e si stanno portando al Rifugio Balasso. L'eliambulanza di Trento ha effettuato un sorvolo della parte sommitale del Pasubio, ma le nubi basse hanno poi impedito un ulteriore avvicinamento. Sul posto anche i Vigili del fuoco.
Pubblicato in 2020
Sabato, 21 Dicembre 2019 10:54

ANZIANO RITROVATO SENZA VITA NELLA NOTTE

Brenzone (VR), 19 - 12 - 19
Ieri sera attorno alle 23.20 il Soccorso alpino di Verona è stato allertato per prendere parte alle ricerche di un ottantenne, uscito in macchina dalla propria abitazione ad Assenza di Brenzone la mattina alle 8.50, per un appuntamento dal medico dove non è mai arrivato. Scattato l'allarme lanciato dalla sorella con cui abitava, i carabinieri hanno iniziato a cercare l'auto dell'anziano, registrata dalle telecamere in passaggio su una strada non distante dalla sua abitazione. I soccorritori hanno iniziato a perlustrare le stradine nell'area circostante, finché passate le 2 una squadra non è andata a controllare un capanno in un campo di proprietà, al cui interno è stato purtroppo rinvenuto l'uomo senza vita. Erano presenti anche Vigili del fuoco e Protezione civile. 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:22

ANCORA NESSUNA TRACCIA DI PAOLO TRAMONTINI

Valbrenta (VI), 07 - 12 - 19
Sono proseguite anche oggi le ricerche di Paolo Tramontini, 67 anni, di Mestre (VE), ma nessun nuovo indizio è emerso. In particolare i soccorritori si sono concentrati in un punto dove ieri, con il binocolo, era stata vista una macchia verde compatibile con uno zaino. Dopo un primo sorvolo della zona con il drone per circoscrivere al meglio l'area, una squadra è salita dal sentiero numero 933 e si è portata sulla verticale, salvo dover poi verificare che si trattava di zolle erbose dal colore più acceso. I droni hanno volato sopra tutta la zona, caratterizzata da un reticolo di vecchi sentierini abbandonati che univano i vari terrazzamenti coltivati a tabacco, nonché dalla presenza di ruderi della Guerra. I soccorritori hanno visionato a piedi anche le tracce marcate nei giorni scorsi dai cani molecolari. Domani le squadre si porteranno in località Lepre, all'uscita a monte dei due sentieri segnalati, il 933 e 934, per perlustrare altre zone della parte alta.
Paolo è alto un metro e 70 circa, di corporatura robusta, calvo, con barba grigia medio lunga. Indossa giacca e pantaloni tecnici neri e ha uno zaino verde marca Ospery. Chiunque lo avesse incontrato in treno, per strada o lungo i sentieri è pregato di contattare i carabinieri. Erano presenti oggi il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, Vigili del fuoco, Protezione civile.
 
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:16

RICERCA NELLA NOTTE, RITROVATA DONNA SCOMPARSA

Valle di Castelgomberto (VI), 07 - 12 - 19
Su richiesta dei Vigili del fuoco, attorno alle 1.30 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno in supporto alla ricerca di una donna di 52 anni di Valle di Castelgomberto (VI), che si era allontanata dalla propria abitazione senza dare più notizie di sé. Cinque soccorritori si sono portati sul posto e, coordinati con i Vigili del fuoco, hanno iniziato a perlustrare casolari e sentieri principali della Val dell'Onte e della Val di Barco. Alle 6 le squadre sono rientrate per riprendere in forze, affiancati anche dalla Protezione civile, questa mattina. Fortunatamente passate le 8 un cacciatore si è imbattuto nella donna, che stava bene, ma è stata recuperata dall'ambulanza in via precauzionale. Le squadre sono quindi state fatte rientrare.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:12

RICERCHE PAOLO TRAMONTINI, ANCORA NESSUN ESITO

Valbrenta (VI), 06 - 12 - 19
Neppure gli sforzi odierni hanno permesso di fare luce sulla scomparsa di Paolo Tramontini, 67 anni, di Mestre (VE), di cui non si hanno più notizie da quando martedì scorso è partito in treno per raggiungere la zona della Valsugana e fare una camminata. Anche oggi una trentina di persone si è distribuita lungo i sentieri del Monte Grappa  e verso l'Altopiano, senza che alcun nuovo elemento permetta di limitare l'area di indagine, dal momento che l'escursionista non aveva lasciato detto quale sentiero avrebbe percorso, né la destinazione.
Paolo è alto un metro e 70 circa, di corporatura robusta, calvo, con barba grigia medio lunga. Indossa giacca e pantaloni tecnici neri e ha uno zaino verde marca Ospery. Chiunque lo avesse incontrato in treno, per strada o lungo i sentieri è pregato di contattare i carabinieri. La ricerca riprenderà domattina e saranno soprattutto i droni a muoversi, lungo i canali verticali che, numerosi, tagliano i versanti. Erano presenti oggi il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, Vigili del fuoco, Protezione civile, Carabinieri forestali e Carabinieri.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:09

RICERCHE TRAMONTINI IN ZONA VALSTAGNA

Valbrenta (VI), 05 - 12 - 19
Da questa mattina le ricerche di Paolo Tramontini, 67 anni, di Mestre (VE), scomparso martedì dopo essere partito per una camminata nella zona della Valsugana, si stanno concentrando sopra Rivalta, dove, da una attendibile segnalazione pervenuta ieri, l'uomo sarebbe stato visto di passaggio attorno alle 9 da un testimone. Fissato il campo base a Valstagna, dopo aver prelevato campioni di vestiario dalla sua abitazione, in mattinata sono stati fatti lavorare 4 cani molecolari del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico verso due sentieri che da Rivalta portano sul massiccio del Grappa. Alcune squadre hanno quindi iniziato a percorrerli dal basso, mentre altre due sono state trasportate in quota dall'elicottero di Treviso emergenza per perlustrarli dall'alto verso valle. Sul versante dell'Altopiano di Asiago, i soccorritori si stanno muovendo sui due sentieri della Valgadena e una squadra della Protezione civile sta visionando un tratto dell'Alta via del tabacco. Sul posto stanno anche volando i droni del Soccorso alpino e dei Vigili del fuoco. Sono presenti una cinquantina di persone tra Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa e di Asiago, Vigili del fuoco, Protezione civile e carabinieri.
Pubblicato in 2019
Santo Stefano di Cadore (BL), 05 - 12 - 19
Ieri sera passate le 23, su richiesta della Centrale dei Carabinieri, il Soccorso alpino della Val Comelico, assieme al Sagf di Auronzo di Cadore, ha avviato la ricerca di un uomo, C.Z., 59 anni, di Casale sul Sile (TV), non rientrato da un'escursione. Parlando col gestore della Baita Pian dei Osei - che aveva parlato con lui la mattina verso le 8 e, vedendo l'auto ancora parcheggiata, aveva fatto scattare l'allarme - e con la figlia dell'uomo, andata a cercare sul computer del padre eventuali destinazioni in montagna in evidenza, i soccorritori hanno capito la sua probabile meta: il Bivacco Caimi, in Valle del Cornon, Campolongo, percorrendo il sentiero numero 334. Una squadra si è quindi incamminata e dopo una ventina di minuti un soccorritore ha notato le tracce di una scivolata dal sentiero. Attrezzata la calata, i tecnici sono scesi lungo il pendio di neve dura per un centinaio di metri, poi da un salto di 40 per seguire ancora il pendio per altri 50 metri, finché non si sono imbattuti nel corpo senza vita dell'escursionista. Dal momento che il recupero notturno del corpo sarebbe stato impegnativo e rischioso, in accordo con la magistratura, questa mattina l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha provveduto ad imbarcare la salma, dopo aver caricato a bordo un soccorritore della Val Comelico e uno del Sagf in supporto alle operazioni e per i rilievi del caso. Sbarcati con un verricello di una trentina di metri, i soccorritori hanno affiancato il tecnico di elisoccorso nelle manovre. La salma, ricomposta e imbarellata, è stata poi trasportata a Campolongo e affidata al carro funebre.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:04

ANCORA NESSUNA NOTIZIA DI PAOLO TRAMONTINI

Valbrenta (VI), 04 - 12 - 19
Stanno rientrando le ultime squadre che da ieri sera stanno cercando Paolo Tramontini, 67 anni, di Mestre (VE), di cui non si hanno più notizie da quando ieri mattina è partito in treno da Mestre in direzione della Valsugana per un'escursone, senza lasciar detto dove era diretto. Nel pomeriggio, dopo alcune segnalazioni che lo darebbero alle 8 e successivamente nella zona di Cismon del Grappa, le perlustrazioni si sono concentrate lungo i sentieri che salgono sul Monte Grappa, sorvolato anche dall'elicottero dei Vigili del fuoco. Purtroppo a nulla sono a valsi fino ad ora gli sforzi di ritrovarlo. Le ricerche riprenderanno domani alle prime luci.
Erano presenti: Soccorso alpino di Asiago e Pedemontana del Grappa, Carabinieri forestali, Carabinieri delle Stazioni di Enego e Solagna, Vigili del fuoco di Asiago e Vicenza con nucleo Tas ed elicottero, i cinofili dell'Anc. Paolo è alto un metro e 70 circa, di corporatura robusta, calvo, con barba grigia medio lunga. Indossa giacca e pantaloni tecnici neri e ha uno zaino verde marca Ospery. Chiunque lo avesse incontrato in treno, per strada o lungo i sentieri è pregato di contattare i carabinieri.
Pubblicato in 2019
Pagina 2 di 23

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.