Auronzo di Cadore (BL), 10 - 01 - 19
Passate le 16 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione delle Tre Cime di Lavaredo, a seguito della chiamata di due escursionisti con le ciaspe in difficoltà su un ripido pendio ghiacciato. L'eliambulanza, dopo aver individuato i due uomini sotto la Cima Ovest, lungo un tratto del sentiero che porta al Rifugio Auronzo, ha sbarcato in hovering il tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio su una forcella vicina. Il soccorritore ha quindi percorso una settantina di metri di traverso, predisponendo una traccia battuta, e ha raggiunto i due per poi riportarli indietro e accompagnarli all'elicottero atterrato poco distante. Gli escursionisti sono quindi stati trasportati a Pieve di Cadore.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 14 Gennaio 2019 15:07

SOCCORSI TURISTI IN DIFFICOLTÀ

Auronzo di Cadore (BL), 09 - 01 - 19
Alle 16.15 circa il gestore di un albergo di Misurina ha allertato la Centrale del 118 per un gruppo di turisti polacchi in difficoltà. I 9 escursionisti, 5 adulti e 4 bambini, il più piccolo di un anno, si erano attardati e avevano smarrito il sentiero numero 120 che dal Col de Varda porta al Rifugio Città di Carpi. Una volta geolocalizzati con l'applicazione in dotazione al Soccorso alpino, sono state verificate e confermate le coordinate Gps che il gruppo stesso aveva mandato. Subito individuati dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, con un verricello di 20 metri è stato sbarcato il tecnico di elisoccorso. Il gruppo era riuscito a tornare sul sentiero, ma i bimbi erano infreddoliti e stanchi. Con tre rotazioni, tutti e nove sono stati imbarcati in hovering e trasportati a Misurina. Pronta a intervenire anche una squadra del Soccorso alpino di Auronzo.
Pubblicato in 2019
Cison di Valmarino (TV), 02 - 01 - 19
Questa mattina attorno alle 11.30 il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane è stato allertato per una macchina uscita di strada all'altezza dell'ottavo tornante della strada che sale a Passo San Boldo. Probabilmente facendo manovra in retromarcia, l'auto di S.B., 85 anni, di Pieve di Soligo (TV) era finita nella scarapata bloccandosi capovolta una cinquantina di metri più sotto, frenata dagli alberi. Una squadra ha raggiunto l'infortunato salendo dal basso assieme al personale sanitario di automedica e ambulanza, che gli hanno prestato le prime cure mentre sopraggiungeva l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che ha sbarcato medico e tecnico di elisoccorso. Una volta imbarellato, l'uomo, con un sospetto politrauma, è stato recuperato con un verricello e trasportato all'ospedale di Treviso. Sul posto anche i Vigili del fuoco e i Carabinieri di Cison di Valmarino e Vittorio Veneto.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 14 Gennaio 2019 14:11

CADE NEL GRETO DEL TORRENTE

Canale d'Agordo (BL), 01 - 01 - 19
Attorno alle 9.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del torrente Tegosa, dove un uomo è scivolato sul terreno ghiacciato dal punto dove stava accatastando legna ed è ruzzolato, cadendo dal muro dell'argine e finendo 2-3 metri più in basso sul greto. Sul posto il personale dell'ambulanza e una squadra del Soccorso alpino della Val Biois. Aĺl'infortunato, E.X., 69 anni, di Canale d'Agordo (BL),  che aveva riportato un sospetto trauma cranico, sono state prestate le prime cure. Imbarellato, è stato recuperato dall'eliambulanza con il verricello per essere poi trasportato all'ospedale di Treviso.
Pubblicato in 2019
Lunedì, 31 Dicembre 2018 14:56

CADUTA PER GHIACCIO NEL BOSCO

Sant'Anna d'Alfaedo (VR), 31 - 12 - 18
Poco prima delle 13 l'elicottero di Verona emergenza è intervenuto nei boschi del Corno d'Aquilio, dove un escursionista era scivolato sul terreno ghiacciato, procurandosi la probabile frattura del femore. L'uomo, un settantanovenne che era da solo, è stato ritrovato da alcune persone che passavano per caso e hanno dato l'allarme. Sbarcati nelle vicinanze, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso hanno prestato le prime cure all'anziano, per poi caricarlo in barella e recuperarlo utilizzando il verricello. L'eliambulanza si è quindi diretta all'ospedale di Negrar. Una squadra del Soccorso alpino di Verona era pronta a intervenire in supporto alle operazioni, se necessario. 
Pubblicato in 2018
Lunedì, 31 Dicembre 2018 12:44

GRAVE BOSCAIOLO TRAVOLTO DA UN TRONCO

Torrebelvicino (VI), 29 - 12 - 18
Attorno alle 11.15 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Schio per un incidente nei boschi di Enna. Da una prima ricostruzione, mentre stava spostandolo con il verricello, un tronco è rotolato addosso a un boscaiolo ferendolo in modo grave. I compagni, che lo hanno visto riverso a terra, hanno subito lanciato l'allarme e l'infortunato è stato raggiunto da sei soccorritori, avvicinatisi con la jeep, e dal personale medico dell'ambulanza trasportata sul posto a bordo di un trattorino. All'uomo, M.S., 43 anni, di Torrebelvicino (VI), sono state prestate le prime cure, con il supporto di medico, infermiere e tecnico di elisoccorso dell'elicottero di Trento sopraggiunto nel frattempo. Imbarellato, il boscaiolo, che aveva riportato probabili traumi alla colonna e cranico, è stato recuperato con un verricello di una trentina di metri per essere accompagnato all'ospedale di Vicenza.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 31 Dicembre 2018 12:34

RAGAZZO CADE DA UNA SCALA

Calalzo di Cadore (BL), 15 - 12 - 18
Questa mattina, mentre stava tagliando un albero fuori da una baita a Rizzios, un ventenne è caduto da una scala, riportando un probabile trauma alla colonna e una ferita alla testa. Raggiunto dal personale medico e dal tecnico del Soccorso alpino dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore sbarcati nelle vicinanze, al giovane sono state prestate le prime cure. Una volta imbarellato, è stato quindi recuperato con un verricello di 30 metri e trasportato all'ospedale di Belluno. 
Pubblicato in 2018
Martedì, 11 Dicembre 2018 16:43

PRECIPITA CON IL PARAPENDIO

Conco (VI), 08 - 12 - 18
Attorno alle 14 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Asiago per un parapendio precipitato poco sotto il decollo di Rubbio. Appena alzatasi in volo infatti, probabilmente a causa delle forti raffiche di vento, la vela si era chiusa e la pilota aveva perso velocemente quota, precipitando  in uno spiazzo tra gli alberi a un chilometro circa di distanza. Una volta geolocalizzata grazie alle coordinate fornite dal compagno accorso sul posto, la donna è stata raggiunta da 4 soccorritori e dal personale medico dell'ambulanza e dell'elicottero di Treviso Emergenza atterrato nelle vicinanze. Prestatele le prime cure, l'infortunata, con probabili traumi alle gambe, è stata imbarellata e trasportata per circa 200 metri fino alla strada, dove è stata caricata nell'ambulanza. Da lì è stata poi accompagnata all'eliambulanza partita in direzione dell'ospedale di Vicenza.
Pubblicato in 2018
Martedì, 11 Dicembre 2018 16:37

CACCIATORE PRECIPITA E PERDE LA VITA

Alpago (BL), 02 - 12 - 18
Attorno alle 11 la Centrale del 118 è stata allertata da un cacciatore, che non vedeva più il compagno, tornando indietro da un costone dove stavano scendendo sul Venal di Montanes. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore si è portato sul luogo indicato e durante la ricognizione ha scorto il corpo inerme dell'uomo, caduto per una cinquantina di metri tra le rocce. Constatato il decesso dovuto ai traumi riportati, la salma di R.S., 55 anni, di Cordignano (TV), è stata ricomposta, recuperata con un verricello e portata a valle. Su richiesta dei carabinieri, una squadra del Soccorso alpino dell'Alpago è stata accompagnata in quota dall'elicottero per provvedere al recupero dell'arma ed è poi rientrata a piedi. 
Pubblicato in 2018
Martedì, 27 Novembre 2018 18:17

SCIVOLA IN UN CANALE

Giazza (VR), 18 - 11 - 18
Alle 15.20 circa la Centrale del 118 di Verona è stata allertata da un escursionista che si era infortunato cadendo in un canale. L'uomo, A.M., 51 anni, di Caldiero (VR), stava scendendo da Malga Terrazzo verso Giazza quando era scivolato e si era fatto male. L'eliambulanza, subito decollata, si è diretta nel punto indicato dalle coordinate Gps, non trovando però corrispondenza una volta sul posto. Atterrati in una radura, tecnico di elisoccorso e personale medico hanno tentato di ritrovarlo, come doveva essere, nelle vicinanze salvo avere la conferma dell'errata indicazione. Tornato in volo, l'equipaggio ha ricontattato l'escursionista ed è risalito a nuove coordinate tramite satellitare, questa volta dimostratesi corrette. Una volta individuato a circa 1.100 metri di altitudine l'infortunato, l'elicottero ha sbarcato in mezzo al boscoa con un verricello di 50 metri il tecnico del Soccorso alpino, che ha poi recuperato l'uomo, con una probabile frattura alla caviglia. Dato l'avvicinarsi della scadenza delle effemeridi, l'escursionista è stato poi trasportato all'elibase e da lì all'ospedale di Borgo Trento in ambulanza.
Pubblicato in 2018
Pagina 1 di 38

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.