Giovedì, 07 Maggio 2020 07:17

RECUPERATA COPPIA CON LE CIASPE

Roana (VI), 09 - 03 - 20
È stata ritrovata a mezzanotte circa la coppia di escursonisti padovani, che ieri pomeriggio aveva smarrito il sentiero durante una camminata con le ciaspe. Partiti dal Centro fondo di Campolongo per un giro, dopo aver seguito un percorso M.V., 38 anni, lui, e K.M, 37 anni, lei, avevano perso la traccia. Provando a tagliare nel bosco per rientrare, si erano trovati tra gli schianti di Vaia, con un metro di neve fresca, e alle 17.30 circa avevano chiesto aiuto. Messo in contatto con il Soccorso alpino di Asiago, l'uomo è riuscito a descrivere l'itinerario seguito e a mandare le coordinate del punto dove si trovavano tramite whatsapp, poi   non è più stato possibile parlare con lui, perché ad entrambi i cellulari degli escursonisti si era scaricata la batteria. Quattro soccorritori con due motoslitte si sono diretti nel luogo indicato, che però si è dimostrato non essere corretto e dove non erano presenti nemmeno segni della loro presenza. Dopo averli a lungo chiamati a voce, le squadre hanno iniziato a girare per cercarli e, senza alcun riscontro, alle 20 circa sono stati chiamati in supporto altri quattro soccorritori e i carabinieri di Roana, sopraggiunti con la terza motoslitta. Finché la coppia, sentendo il rumore dei mezzi, non è riuscita ad arrivare sulla strada forestale che porta al Forte Verena, dove è stata incrociata in uno dei successivi passaggi. Trasportati fino alle jeep, gli escursionisti sono stati riscaldati e assistiti dal medico del Soccorso alpino. Erano infreddoliti, ma stavano bene, e sono stati riaccompagnati alla loro macchina.
Pubblicato in 2020
Cortina d'Ampezzo (BL), 25 - 01 - 20
Attorno alle 11 il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato dalla Centrale del 118 per un infortunio in località Sant'Uberto, conosciuta anche come Turniché. Diretti in Val di Fanes, infatti, un gruppo di ciaspolatori aveva preso un sentierino scendeno in mezzo a un bosco con terreno ghiacciato, quando uno di loro era caduto procurandosi un probabile trauma alla gamba. L'uomo, G.S., 46 anni, di Padova, è stato raggiunto dal personale sanitario della Croce Bianca, che gli ha prestato le prime cure, e da una squadra in motoslitta, che lo ha imbarcato e trasportato fino all'ambulanza.  Il Soccorso alpino di Cortina è poi intervenuto nella zona di Passo Giau, dove un tratto ghiacciato tra Forcella Zonia e Forcella Col Piombin aveva bloccato altri due escursionisti con le ciaspe. La coppia, entrambi ventinovenni di Jesi (AN), è stata raggiunta e aiutata a tornare al passo. Sul posto anche i Vigili del fuoco.
Pubblicato in 2020
Giovedì, 30 Gennaio 2020 13:52

SOCCORSI ESCURSIONISTI IN DIFFICOLTÀ

Cortina d'Ampezzo (BL), 23 - 01 - 20
Alle 16.50 circa il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato per una famiglia in difficoltà al rientro da una gita con le ciaspe. Marito e moglie settantenni, assieme al loro figlio trentenne, trevigiani, erano partiti dalla Cantoniera di Rubietta, tra il Passo Tre Croci e Misurina, per percorrere il giro del Cason di Pousa Marza. Al nomento di scendere verso il ponte di Ru da Voi, 500 metri a monte, i tre sono rimasti bloccati sopra un canalone, incapaci di proseguire. La famiglia e stata raggiunta da una squadra partita dal ponte. I soccorritori li hanno aiutati, scavando e spianando alcuni tratti davanti a loro per facilitarne il cammino, e li hanno riaccompagnati a valle.
Pubblicato in 2020
Sabato, 21 Dicembre 2019 10:45

SOCCORSI ESCURSIONISTI CON LE CIASPE

Auronzo di Cadore (BL), 15 - 12 - 19
Alle 16.20 circa il Soccorso alpino di Auronzo è stato allertato per due escursionisti con le ciaspe, bloccati in un canale ghiacciato non distanti da Forcella Col di Mezzo sulle Tre Cime di Lavaredo. I due, una ragazza spagnola di 28 anni e un ragazzo udinese di 27, erano partiti dal Lago d'Antorno alle 13 per fare il giro, passando dal Rifugio Auronzo e Lavaredo. Attardatisi però, seguendo le tracce lasciate da scialpinisti si erano trovati nella fase di rientro sul lato ovest su neve dura con il rischio di scivolare e farsi male. Raggiunta da una squadra di 8 soccorritori, più altri 3 pronti ad intervenire, avvicinatisi con quad e motoslitta e poi con gli sci, la coppia è stata equopaggiata con pile e Artva, accompagnata ai mezzi e da lì alla propria macchina. 
 
Pubblicato in 2019
Sabato, 21 Dicembre 2019 10:44

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Canale d'Agordo (BL), 15 - 12 - 19
Ieri verso le 17.15 il Soccorso alpino della Val Biois è stato allertato per un escursionista in difficoltà sopra Gares. L'uomo, che stava facendo un giro con le ciaspe lungo il sentiero 756, arrivato in direzione di Malga Valbona si era trovato ad attraversare un ripido canale gjiacciato, con il rischio di scivolare per alcune centinaia di metri. Si era quindi fermato ancorandosi a una pianta e aveva chiesto aiuto. Messi in contatto con F.Z., 40 ann, di San Giovanni in Persiceto (BO), i soccorritori hanno capito dove si trovava e lo hanno raggiunto. Dopo averlo calato per una decina di metri, lo hanno assicurato ed aiutato a rientrare a valle.
Pubblicato in 2019
Sabato, 27 Aprile 2019 09:43

SOCCORSA ESCURSIONISTA SUL BOSCONERO

Longarone (BL), 22 - 04 - 19
Verso le 17 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato nel Gruppo del Bosconero dove, poco sotto il Bivacco Tovanella, un'escursionista si era fatta male mentre scendeva con le ciaspe, procurandosi un sospetto trauma al ginocchio. L'allarme era stato lanciato dal compagno che si trovava con lei e si era dovuto abbassare di quota per trovare un punto con copertura telefonica. Una volta individuata, la donna, M.B., 51 anni, di Domegge di Cadore (BL), è stata recuperata con un verricello di una decina di metri dal tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio, per essere poi trasportata all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2019
Giovedì, 21 Febbraio 2019 14:39

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Rocca Pietore (BL), 17 - 02 - 19
Questa mattina alle 8 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Marmolada, per recuperare un escursionista in difficoltà. Ieri M.D., 23 anni, di Rocca Pietore (BL), durante la salita da solo con le ciaspe al Bivacco Dal Bianco al Passo di Ombretta, si era fatto male alla caviglia. Raggiunto il bivacco per pernottare, il giovane pensava di poter rientrare oggi in autonomia, invece al risveglio il dolore al piede non gli ha permesso di muoversi. Recuperato dal tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio con un verricello di 10 metri, l'infortunato è stato trasportato all'ospedale di Agordo.
Pubblicato in 2019
Auronzo di Cadore (BL), 10 - 01 - 19
Passate le 16 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione delle Tre Cime di Lavaredo, a seguito della chiamata di due escursionisti con le ciaspe in difficoltà su un ripido pendio ghiacciato. L'eliambulanza, dopo aver individuato i due uomini sotto la Cima Ovest, lungo un tratto del sentiero che porta al Rifugio Auronzo, ha sbarcato in hovering il tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio su una forcella vicina. Il soccorritore ha quindi percorso una settantina di metri di traverso, predisponendo una traccia battuta, e ha raggiunto i due per poi riportarli indietro e accompagnarli all'elicottero atterrato poco distante. Gli escursionisti sono quindi stati trasportati a Pieve di Cadore.
Pubblicato in 2019
Venerdì, 16 Febbraio 2018 13:55

INFORTUNIO CON LE CIASPE

 
Rocca Pietore (BL), 11 - 02 - 18
Alle 12.40 circa il 118 è stato allertato per un escursionista infortunatosi mettendo male un piede con indosso le ciaspe, mentre si trovava nella zona di Malga Franzedas. L'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano ha quindi recuperato l'uomo, M.R., 52 anni, di San Martino di Lupari (PD), con un probabile trauma alla caviglia e lo ha accompagnato all'ospedale di Agordo. Pronto a intervenire il Soccorso alpino della Val Pettorina. 
Pubblicato in 2018
Mercoledì, 31 Gennaio 2018 11:14

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 27 - 01 - 18
Questa mattina attorno alle 11.15 il 118 ha allertato il Soccorso alpino della Val Pettorina per un infortunio avvenuto nei Serrai di Sottoguda a Rocca Pietore. Mentre scalava una cascata di ghiaccio, R.C., 55 anni, di Pescara, era volato per alcuni metri finendo al suolo e procurandosi un sospetto trauma a entrambe le caviglie. Raggiunto da una squadra con il gatto delle nevi, l'infortunato è stato poi trasportato fino all'inizio della gola per essere affidato all'ambulanza diretta all'ospedale di Agordo. Verso le 11.30 è invece scattato l'allarme per due escursionisti in difficoltà sopra l'Eremo dei Romiti, a Domegge di Cadore. I due, padre e figlio, 59 e 30 anni, di Cavallino Treporti (VE), stavano percorrendo con le ciaspe il sentiero che porta al Rifugio Cercenà quando, all'altezza del Col Buffon, a circa 1.500 metri di altitudine, sono scivolati sulla neve dura fermandosi una decina di metri più sotto tra gli alberi, incolumi, ma incapaci di muoversi. Raggiunti da una squadra del Soccorso alpino del Centro Cadore, i due sono poi stati recuperati con un verricello dal tecnico di elisoccorso dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore.
Pubblicato in 2018
Pagina 1 di 2

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.